martedì, Aprile 23, 2024
5.1 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Neolingua di governo: non abbiamo aumentato le tasse

Da leggere

di MATTEO CORSINI

“Mi sento di prendere l’impegno di continuare con la politica che il governo precedente ha seguito, in quasi tre anni di lavoro: tasse più basse, riforme strutturali, ruolo crescente degli investimenti pubblici e privati per sostenere la crescita”. Questo dichiarava lo scorso 16 gennaio il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, al Tg3. E’ una delle tante dichiarazioni, più o meno identiche, nelle quali parla, del tutto a sproposito, di riduzione delle tasse.

Il fatto è che poi, ogni volta che c’è una manovra di bilancio più o meno consistente, la parte del leone la fanno gli aumenti di entrate e non le riduzioni di spesa. Copione prontamente ripetuto anche in occasione della correzione da 3,4 miliardi appena sfornata dal governo.

Quando lo “split payment”, ossia il pagamento dell’Iva da parte dell’acquirente ora esteso dalle amministrazioni centrali a tutte le società partecipate dallo Stato, è presentato dal governo come misura di lotta all’evasione fiscale, il segnale è fuorviante. Di sicuro si tratta di un’uscita di liquidità da parte dell’azienda fornitrice, che peraltro di solito incassa il credito con tempi non troppo brevi, per usare un eufemismo. La lotta all’evasione è lo specchietto per le allodole dietro il quale nascondere l’accaparramento di denaro a breve termine da parte dello Stato.

E che dire della necessità di ottenere il visto di conformità per le compensazioni fiscali su operazioni di importo superiore a 5mila euro, dagli attuali 15mila? O della cedolare secca al 21% su chi affitta le camere per meno di un mese, con piattaforme come Airbnb che diventano sostituti di imposta?

Infine, un classico: aumentano le accise sui tabacchi e i prelievi sui giochi, con la tassa sulle vincite alle lotterie che raddoppia dal 6 al 12%, mentre la tassa sulle vincite al Lotto passa dal 6 all’8% e sale anche il prelievo su slot machines e videolotteries.

Se questi non sono aumenti di tasse siamo evidentemente nel campo della neolingua orwelliana

Correlati

1 COMMENT

  1. La spesa pubblica non si riduce, si razionalizza.
    Per non urtare chi se ne nutre a larghe manciate, e non irritare i sindacati.
    Le tasse non aumentano, ma vengono introdotte a piccoli spizzichi, atteggiandosi a salvatori della patria nei confronti delle pressanti richieste della UE e delle penalità accettate e previste in precedenti accordi.
    Per non allarmare oltremodo una sudditanza ormai allo stremo.
    Entrambe le mosse solo ed unicamente per non perdere la faccia e le leve del potere.
    Si va avanti così, senza idee chiare, senza prospettiva , nel rintuzzare alla giornata gli imprevisti ed i danni che si stanno materializzando gradualmente per l’economia e la vita della gente comune.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli recenti