“IO NON VOTO ITALIA”, INDIPENDENTISTI SARDI CONTRO IL REFERENDUM COSTITUZIONALE

di REDAZIONE “Il referendum costituzionale di novembre? Facciamo in modo che diventi una consultazione per l’indipendenza”. Come? “Non andando a votare”. E’ la filosofia del neonato “Comitato per il Non voto Italia” presentato questa mattina dal leader indipendentista Bustianu Cumpostu. “Considerato che un referendum diretto che chiami i sardi ad esprimersi sull’indipendenza statuale della Sardegna non verrà mai concesso, bisogna essere strumentali e cogliere l’occasione – ha spiegato – e non andare a votare significa rifiutare l’unità e indivisibilità della Repubblica”. Infatti, “optando per la Costituzione in vigore o per quella riformata, si accetta comunque l’appartenenza ad uno Stato-Nazione, uno e indivisibile che alla fusione statuale unisce la fusione nazionale”. Inoltre, comunque vada, “per la Sardegna che è una regione autonoma, non cambia la situazione di sudditanza”. Quindi appello deciso a disertare le urne: “Se più del 50% dei sardi resterà a casa sarà un segno indipendentista”, ha concluso Cumpostu. Che la riforma sia contro ogni afflato indipendentista ed autonomista, lo si capisce dal NUOVO TITOLO V,…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche Indipendenze