lunedì, Giugno 24, 2024
20.3 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Ogni due giorni Milei ha abolito un pezzo di burocrazia

Da leggere

di MARIETTO CERNEAZ

Oggi, sei mesi dopo l’insediamento del nuovo presidente, dopo aver attuato un programma di stabilizzazione economica ortodosso e aver fatto funzionare la motosega in ogni settore dello Stato, l’Argentina ha:

  • – Un’inflazione mensile inferiore al 5%, anche con i prodotti del paniere di base, che hanno registrato numeri da deflazione in aprile e maggio.
    – Una Banca Centrale con 29.289 milioni di dollari di riserve.
    – Un avanzo fiscale raggiunto sin dal secondo mese di governo e mantenuto a maggio.
    – Un avanzo commerciale, il che significa che per la prima volta in 16 anni l’Argentina è tornata a registrare un doppio avanzo.
    – Uno Stato più piccolo ed efficiente, che è passato da 24 ministeri a soli 7, che ha effettuato il più grande aggiustamento della storia, pari a 15 punti del PIL.
    – 3 fondi fiduciari sono stati chiusi, servivano come cassa per la casta politica.
    – Ha ordinato la chiusura di 8585 cooperative e 672 mutue gestite dalla sinistra.
    Si tratta di una riduzione del 63% delle cooperative esistenti, che vivevano di soldi pubblici.
    – Taglio del 35% della spesa pubblica.
    – 75 regolamenti applicativi in meno, ovvero ogni due giorni di amministrazione una imposizione burocratica in meno.

In sei mesi, il governo ha fatto quanto poteva con i propri strumenti. Ora restano da fare le riforme strutturali che necessitano del voto del Congresso per approvare la “Ley de Bases”, così da riformare il settore del lavoro e lanciare gli incentivi per i grandi investimenti, oltre ad abbassare le tasse.

Da sei mesi a questa parte, il Congresso ha solo fatto opposizione, non ha approvato nulla. Nonostante ciò, l’amministrazione del Presidente Milei ha ottenuto risultati eccellenti. Risultati straordinari di fronte all’ordinaria burocrazia politica.

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli recenti