PRONTO L’ULTIMO LIBRO DI LEONARDO FACCO, IL MURO E I SUOI CALCINACCI

di GUGLIELMO PIOMBINI

La casa editrice Tramedoro e la Libreria del Ponte sono liete di annunciare la prossima uscita del nuovo libro di Leonardo FaccoIl Muro di Berlino e i suoi calcinacci.

Il 9 novembre 2019 cade il trentennale di uno degli avvenimenti decisivi del XX secolo: il crollo dei regimi comunisti nell’Europa orientale, simboleggiato dalla caduta del Muro di Berlino.

L’autore riflette su ciò che è accaduto nei trent’anni successivi, giungendo alla conclusione che il comunismo non è morto né sepolto, e che il socialismo sudamericano, di cui è profondo conoscitore, ha giocato un ruolo chiave nella riorganizzazione del movimento comunista internazionale.
Il libro è introdotto da una brillante prefazione del professor Paolo L. Bernardini, e si chiude con un magistrale saggio del più noto fra i nuovi economisti latino-americani di scuola austriaca, l’argentino Javier Milei.

Si può prenotare il libro (164 pagine, € 13.00 + 3,50 per la spedizione raccomandata) comunicando il proprio nome in risposta a questa email. 

E’ anche possibile completare subito la procedura di ordinazione del libro Il Muro di Berlino e i sui calcinacci inserendolo nel carrello ed effettuando il tipo di pagamento prescelto. 

Il libro può eventualmente essere ritirato a Bologna il giorno 9 novembre 2019 in occasione del grande convegno di celebrazione dell’anniversario della caduta del Muro organizzato dall’Associazione Il dito nell’occhio, durante il quale Leonardo Facco parlerà dell’esperienza venezuelana.

Breve calendario degli incontri si novembre con l’autore:
3 Novembre, NON È L’ARENA (LA7, rinviato a data da destinarsi).
4 Novembre, LODI, presentazione del libro IL MURO E I SUOI CALCINACCI.
9 Novembre, BOLOGNA, evento dell’Associazione “il dito nell’occhio” sui 30 anni della caduta del muro di Berlino. Per l’occasione, parlerò di un capitolo del libro IL MURO E I SUOI CALCINACCI.
13-14 Novembre, VIENNA, partecipazione all’evento organizzato dall’Austrian Economic Center.
30 Novembre, FORLÌ, incontro sul Venezuela organizzato dall’associazione “il dito nell’occhio”.

Abstract del libro

Crollati quei 155 Kilometri di Muro, nel 1989, sulle ceneri dei partiti comunisti sono sorte “nuove” formazioni politiche socialdemocratiche, che hanno ottenuto un seguito di massa, riuscendo nei diversi paesi a coprire ruoli di governo. I consensi elettorali raccolti dai postcomunisti sono legati in buona misura alle ovvie sofferenze sociali causate dai regimi precedenti, ma addossate al neoliberismo durante il timido passaggio all’economia di mercato. L’Ovest ha esportato ad Est la democrazia, non il capitalismo!

I neosocialisti hanno convinto le masse che una versione democratizzata del socialismo non sarebbe solo più umana, ma anche economicamente più produttiva ed efficiente.

Oggi, nel pieno dei festeggiamenti dei 30 anni della caduta del Muro di Berlino, ritengo ci sia poco da festeggiare, perché non ha schiacciato il comunismo e i comunisti! Anzi. Il suo crollo ha, paradossalmente, tolto all’Occidente un alibi per chiamare, ed additare, quell’ideologia criminale nel modo più appropriato: dittatura!

Prefazione di PAOLO L. BERNARDINI
Con un saggio conclusivo di JAVIER MILEI

13 EURO, 164 PAGINE
TRAMEDORO EDIZIONI

PRENOTALO A Libreriadelponte@tiscali.it

Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere PensieroLibero