GUSTAVE DE MOLINARI, IL PRIMO VERO ESTREMISTA DELLA LIBERTÀ

di MURRAY NEWTON ROTHBARD Leggendo il saggio Gustave de Molinari, first anarcho-capitalist, scritto da Murray N. Rothbard, di tutti i principali economisti libertari francofoni di metà e fine XIX° secolo, il più insolito fu il belga Gustave de Molinari. Nato a Liegi, figlio di un medico belga barone che era stato ufficiale dell’esercito napoleonico, Molinari trascorse la maggior parte della sua vita in Francia dove divenne autore e redattore instancabile, molto prolifico. Per tutta la vita sostenne il laissez-faire puro, la pace internazionale, e fu intransigente nell’opporsi allo statalismo, al controllo governativo e al militarismo. Molinari (1819-1912) fu un campione inflessibile della libertà e difensore del diritto naturale. Trasferendosi a Parigi all’età di 21 anni, Molinari si unì alla Société d’Economie Politique nel 1842 e divenne il segretario dell’associazione di Bastiat per il libero scambio, che formatasi a Parigi nel 1846. Ben presto divenne uno dei redattori del periodico Libre-Échange dell’associazione. Divvene poi un editore del Journal des Économistes nel 1847. Pubblicò il primo di molti libri nel 1846,…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche PensieroLibero