giovedì, Agosto 18, 2022
22.3 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Salvini, la piazzata romana e i centri a-sociali

Da leggere

roma1de IL POLENTONE

Andare a Roma, sia che si faccia una marcia, un sacco o anche una pacifica manifestazione non è mai una bella cosa. Comunque vada, chi va al mulino si infarina, figuriamoci nella cloaca massima, pardon maxima.

Per questo gli indipendentisti non hanno tifato per la spedizione salviniana. Ne hanno apprezzato la spavalderia e la provocazione, ma non hanno superato i loro timori apotropaici e sanitari.  

Bisogna però dire che gli “anti” abbiano fatto di tutto per far loro cambiare idea, non su Roma ma sul senso di andare a Mordor a parlar male della madre degli orchetti. Contro la manifestazione si sono scatenati i centri a-sociali, quasi tutti i partiti e gli organi di stampa, l’Anpi (partigiani romani? Una rarità numismatica) gli intellettuali e i protestatori in servizio permanente effettivo come i 99 Posse o l’incommensurabile Moni Ovadia con annesso cappuccio da sesso sicuro. Chi ha dato il meglio di sé è però stato tale Elio Germano, attore molisano di chiara fama, con un video girato in mezzo a una platea di piccoli strolighi evidentemente affascinati dalla sua arte e dai suoi argomenti. (VEDI QUI)

Il Germano  lascia per un attimo il patriottico romanesco per leggere una relazione dell’Immigrazione statunitense dei primi del Novecento, nella quale si descrivono in maniera piuttosto greve e realistica le abitudini degli immigrati che il Germano chiama “italiani”. il furbino dimentica un microscopico dettaglio: che allora le autorità americane dividevano gli immigrati italiani in due nazionalità molto chiaramente – e burocraticamente – distinte per latitudine. Quello che ha letto è un documento che non riguarda i nostri nonni ma i suoi.  E neppure loro erano proprio tutti così: in molti si sono perfettamente integrati, gli altri hanno fatto i mafiosi e gli attori, i guappi e i guitti.

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti