domenica, Settembre 25, 2022
13.8 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Serve una legge per avere “le previsioni meteo statali”

Da leggere

di MATTEO CORSINI

Ogni volta che si verifica un evento tragico c’è una costante: l’invocazione di una nuova legge o dell’istituzione di un nuovo apparato statale. Come se la soluzione a deficienze di un sistema incrostato di soggetti pubblici di cui nessuno riesce a fare un conteggio anche solo approssimativo fosse quella di introdurre un nuovo baraccone.

Questa volta ci ha pensato il ministro dell’ambiente, Gian Luca Galletti, il quale, dopo quanto accaduto a Livorno nei giorni scorsi, ha dichiarato: “serve un centro meteo nazionale” che con “delle linee guida nazionali rafforzerebbe il sistema”. Di sicuro rafforzerebbe i ranghi dei dipendenti della pubblica amministrazione, perché suppongo che questo nuovo centro non sarebbe sostitutivo di quelli regionali, ma si sovrapporrebbe agli stessi.

Il fatto è che lo Stato non ha la sfera di cristallo, quindi non vi è nessuna base scientifica per sostenere che le previsioni meteo sarebbero più accurate se svolte a livello centralizzato. Né che le previsioni meteo debbano essere effettuate da una struttura pagata dai cosiddetti contribuenti invece che essere una qualsiasi attività di mercato.

Ma il meccanismo è sempre lo stesso: se qualcosa non va come vorrebbe il governante di turno si parla di necessità di intervento pubblico per rimediare a un fallimento del mercato. E quando il fallimento (o presunto tale) è palesemente di altri soggetti per lo più pubblici, invece che dare più spazio al mercato si invoca ancora più Stato. Se non è folli questa…

- Advertisement -

Correlati

1 COMMENT

  1. Quando è successa la tragedia a Livorno c’era l’allerta arancione in compeno c’era quella rossa nella Liguria centrale, in liguria hanno bloccato tutto (con danno economico) e a Livorno ci sono stati i morti. E’ evidente l’errore, non so se è generale o come succede in Italia, sono stati assunti dei raccomandati a far le previsioni.
    Esistono società private di meterologia, che quindi non dovrebbero assumere incompetenti, eppure anche loro tendono a fare “constatazioni” e non previsioni meteo, nel senso che se guardo le loro previsioni alla sera (meno di 24 ore!!!) dicono una cosa, al mattino dicono la stessa cosa, dopo le 9 (ora di aprire gli uffici della Società…) le previsioni cambiano e finalmente le azzeccano (constatazioni, nel senso che ti dicono quel che vedono dalla finestra). Eppure i contadini ed i montanari avevano un mucchio di proverbi o accortezze per fare previsioni giuste, ne andava del raccolto. Detto questo è evidente che o sia impossibile fare previsioni meteo affidabili, in tal caso gli amministratori locali sono senza colpa in caso di disastro, ma occorre capire se è per colpa del clima impazzito o di metereologi incompetenti oppure se si può finalmente tornare alla competenza, nella seconda guerra mondiale con le rpevisioni meteo decidevano le campagne militari….

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti