SVEGLIA! SI STA CONCRETIZZANDO LA DITTATURA COMUNISTA IDEATA DA GRAMSCI

di BRADLEY THOMAS C’è poco dibattito sul fatto che le moderne università americane, l’istruzione pubblica, i media tradizionali, Hollywood e i gruppi di difesa politica siano dominati dalla sinistra. Non è un caso, ma fa parte di una strategia deliberata per aprire la strada alla rivoluzione comunista sviluppata più di otto decenni fa da un teorico politico italiano di nome Antonio Gramsci. Descritto come uno dei teorici marxisti più importanti e influenti al mondo, dopo Marx stesso, se non si ha familiarità con Gramsci, si dovrebbe invece averne. Al comunista italiano (1891 – 1937) si attribuisce il merito del progetto che è servito come base per il movimento culturale marxista nell’America moderna. Più tardi definita dall’attivista studentesco tedesco degli anni Sessanta Rudi Dutschke come “la lunga marcia attraverso le istituzioni”, Gramsci scrisse negli anni Trenta di una “guerra di posizione” per i socialisti e i comunisti atta a sovvertire la cultura occidentale dall’interno nel tentativo di costringerla a ridefinire se stessa. Gramsci ha usato metafore…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche ControPotere