lunedì, Giugno 24, 2024
17.7 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Terrorismo e interventismo, il circolo vizioso perfetto

Da leggere

mali-islamistdi GIOVANNI BIRINDELLI

Ha scritto Maurizio Molinari su La Stampa: “Se la strage del Bataclan a Parigi ha segnato l’inizio della campagna di attacchi all’Europa e gli assalti a Bruxelles e Istanbul hanno rivelato l’esistenza di una vasta rete di cellule, la carneficina di Nizza suggerisce che l’offensiva è in pieno svolgimento. Imponendo ad ogni Paese di reagire con forme di integrazione nella sicurezza di efficacia tale da generare una nuova dottrina per la difesa collettiva”. 

Come è avvenuto e continua ad avvenire regolarmente con le crisi economiche, si farà quanto umanamente possibile per combattere il terrorismo con dosi sempre maggiori dello stesso male che lo ha prodotto: l’interventismo statalista.

E la stampa di regime farà tutto quello che può perché le persone continuino a confondere la cura con il male; e continuino così a stringersi attorno ai loro stati e alle loro leadership politiche. Ogni attacco terroristico diventa per questi ultimi una scusa per aumentare sempre di più il loro potere intrusivo nella vita delle persone e delle imprese, per ridurre sempre di più la libertà.

Questo crescente interventismo continuerà necessariamente a generare sempre più crisi economiche e sempre più attacchi terroristici. E la risposta continuerà a essere sempre maggiori dosi del male che li ha prodotti.

È il circolo vizioso perfetto, che per continuare a riprodursi ha bisogno di una stampa di regime che generalmente, sulla base di pregiudizi statalisti, stia dalla parte dell’inteventismo o adesso addirittura del super-interventismo europeo.

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli recenti