mercoledì, Ottobre 5, 2022
18.7 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Trombocitopenia: ecco le ragioni di tante morti per “malore”

Da leggere

di MARIETTO CERNEAZ

Se vogliamo tornare nel tecnico, parliamo dei cosiddetti vaccini Astrazeneca, Johnsons, ecc… può avvenire trombocitopenia senza aver alcun sintomo per parecchi giorni, e solo 1 su 70 può presentare petecchie da porpora che possono fare pensare a deficit piastrinico, altri ancora possono non mostrare petecchie fino a livelli di piastrine molto basse, ecc., e quando ce se ne accorge è troppo tardi. Ecco perché chiunque abbia fatto il siero sperimentale deve fare esami ematochimici per scongiurare questi eventi avversi, e sono cose note da decenni.

Notare il caso 96 riportato sotto, non si tratta di morte di tumore, ma da trombocitopenia che ha fatto arrivare la paziente a condizioni dispnoiche fino al collasso, con morte per trombosi diffusa nelle vene polmonari ed addominali.

A seguito di necroscopia si è dimostrato che la conta piatrinica era bassa come risultato della concentrazione delle piastrine nelle aree trombotiche. In letteratura sono descritti casi di trombocitopenia anche per siero a mRNA, specificatamente ModeRNA.

In entrambi i casi il medico avrebbe avuto solo 12-16 ore al massimo tra il ricovero e la morte per confermare la diagnosi di trombocitopenia e cominciare il trattamento, mentre  il medico di famiglia avrebbe avuto parecchi giorni per comprendere il problema ed il chirurgo, infine, 4 giorni per prevenire queste morti fulminanti.

I continui “malori” di cui leggiamo da giorni e giorni cosa sono?

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti