URGE VERAMENTE DISFARSI DEGLI ITALIANI

di PAOLO L. BERNARDINI Il libro curato da Gianpaolo Romanato, L’Italia della vergogna nelle cronache di Adolfo Rossi (1857-1921), pubblicato da Regione Veneto-Longo editore Ravenna nel 2011, ha molti meriti e qualche demerito. Il primo dei meriti è quello di riportare all’attenzione del pubblico Adolfo Rossi, uno dei maggiori giornalisti italiani, originario del Polesine, a cavaliere dei due secoli. Rossi, che appartiene ad una terra che di giornalisti, scrittori e politici illustri ne conta molti, soprattutto in quel periodo – da Balzan a Matteotti – fu prima di tutto un grande viaggiatore, e uno scrittore puntuale, preciso, mai rettorico o oleografico, ma di misurata prosa ed efficace argomentare. Nato povero, fu prima emigrato in America, poi giornalista, poi, dal 1902, ispettore del Commissariato Generale dell’Emigrazione, e quindi, dal 1908 fino alla morte, membro del corpo diplomatico italiano. Purtroppo manca su di lui quella monografia che ci permetterebbe di cogliere a tutto tondo una figura che si mosse, inesausta, dagli USA all’America Latina, dall’Eritrea, colonia sabauda…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche CronacheVere