USA, PASSA IL TAGLIO DELLE TASSE: LA RIFORMA RIGUARDA SOLO I RICCHI?

di ARTURO DOILO Apprendiamo dall’America che è stata approvata al Senato la riforma delle tasse, mettendo a segno una significativa vittoria politica per il partito e per l’amministrazione Trump. La legge, quasi 500 pagine, è passata verso le due del mattino, con 51 voti a favore e 49 contrari. Ora dovrà essere riconciliata con la versione della Camera per essere inviata alla firma del presidente. La riforma è la più drastica riscrittura delle imposte dagli anni Ottanta. Permettetemi solo qualche appunto nel merito: 1- Se il taglio di tasse non corrisponderà ad un taglio di spese almeno pari, pagheranno il conto salato le future generazioni e i conti non saranno certo rimessi a posto; 2- 500 pagine per scrivere una legge per tagliare le tasse, dà la cifra di quanto gli Usa, oggi, siano sempre più statalisti e impantanati nella burocrazia; 3- Secondo la stampa igienica italiana, la riforma riguarda solo i ricchi. La solita falsità: Come ha scritto Stefano Magni, “Le aliquote per i redditi…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Rubriche FuoriDalMondo