VENEZUELA, ECCO COME L’IPER-INFLAZIONE HA DEVASTATO L’INDUSTRIA

di JUAN FORERO “Nessuno batte l’iperinflazione, nessuno”, ha detto Cordivani, il cui padre ha fondato un calzaturificio 55 anni fa. “Lavoriamo solo per cercare di coprire le nostre spese. Eh già, perché un tasso di inflazione di due milioni di punti percentuali sta devastando la domanda, devastando un settore manifatturiero un tempo vivace. Chi produce, dalle automobili, ai cosmetici, alla birra, opera attualmente a meno del 20% della loro capacità. I proprietari stanno esaurendo il capitale per pagare stipendi elevati e immagazzinare le materie prime. Il calzaturificio di Giuseppe Cordivani, a Caracas, una volta era pieno di macchine e contava con 50 dipendenti. Ora è quasi deserto. Lo stabilimento, alla periferia della capitale, produceva circa 300 paia di scarpe da donna al giorno, in tutto il paese; dalle scarpe da ginnastica alle scarpe con tacco alto vendute. Con l’iperinflazione che colpisce, ne sta facendo solo 20 oggi, secondo il Wall Street Journal. Il calo del settore manifatturiero riflette la più ampia devastazione economica. L’economia venezuelana si è…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo