venerdì, Giugno 14, 2024
18.4 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Ecco il 43° segnale della ripresa: in italia più tasse che altrove

Da leggere

TASSE-6di LUIGI CORTINOVIS

Nel 2016, chi vive in Italia pagherà 28 miliardi di euro in più di tasse rispetto alla media dei cittadini dell’Eurozona. Si tratta di 461 euro di maggiori imposte pro capite, stando ad uno studio di Confartigianato. Per le imprese il gap fiscale Italia/Europa è ancora più ampio: il total tax rate, cioè la somma di tutte le imposte e tasse pagate dall’impresa al lordo dei profitti, è pari al 64,8%, il più alto nell’Ue, superiore a quello di Francia (62,7%) e Austria (51,7%) e più che doppio rispetto a quello di Slovenia (31,0%) e Svizzera (28,8%).

La situazione peggiora per le piccole imprese con meno di 20 addetti, che pagano un’aliquota fiscale complessiva su Ires e Irap del 32,8%, superiore di 5,2 punti rispetto al 27,6% delle imprese di medio-grande dimensione, con 50 addetti e oltre. Alla crescita della pressione fiscale, spiega la confederazione, ha contribuito il prelievo a livello locale: tra il 2011 e il 2015 le imposte dirette e indirette di tutte le amministrazioni pubbliche sono aumentate del 6%, trainate dall’incremento del 27,2% (+14,8 miliardi di euro) dei cinque principali tributi locali cioè Irap, Addizionali Irpef, Imu e Tasi.

Mica è finita, al peso delle tasse si sommano le complicazioni burocratiche per pagarle. Anche qui, per Confartigianato, un altro record negativo: ogni impresa italiana spreca in adempimenti fiscali 269 ore all’anno, 92 ore in più delle 177 ore della media Ocse e superiori alle 218 ore in Germania, alle 158 ore in Spagna, alle 137 ore in Francia e alle 110 ore nel Regno Unito. Sulla competitività delle imprese, poi, il cuneo fiscale sul costo del lavoro dipendente, pari al 49%, di 13,1 punti superiore al 35,9% della media Ocse e il quinto più alto dopo Belgio, Austria, Germania e Ungheria.

Ritardi, ostacoli, inefficienze del sistema Paese generano un ambiente ostile al “fare impresa”, tanto che nella classifica sulla facilità di fare impresa l’Italia si colloca al 45° posto tra i 189 Paesi del mondo.

Correlati

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli recenti