ECCO IL 44° SEGNALE DELLA RIPRESA: NUOVO RECORD DELLA POVERTA’ ASSOLUTA

bambini poveridi LUIGI CORTINOVIS

Oggi, c’è da registrare uno stupefacente segnale dovuto alla ripresa che da Monti in poi ha coinvolto l’Italia.

Nel 2015 l’Istat stima che le famiglie in condizione di povertà assoluta siano pari a 1 mln e 582 mila e le persone a 4 mln e 598 mila (il numero più alto dal 2005). L’incidenza della povertà assoluta si mantiene stabile negli ultimi tre anni per le famiglie; cresce invece se misurata in termini di persone (7,6% della popolazione residente nel 2015, 6,8% nel 2014 e 7,3% nel 2013). Questo perché riguarda le famiglie più numerose. In aumento al Nord, in particolare per gli stranieri, la povertà colpisce chi vive in città, gli anziani e i bassi redditi.

Anche la povertà relativa risulta stabile nel 2015 in termini di famiglie (2 milioni 678 mila, pari al 10,4% delle famiglie residenti dal 10,3% del 2014) mentre aumenta in termini di persone (8 milioni 307 mila, pari al 13,7% delle persone residenti dal 12,9% del 2014). Analogamente a quanto accaduto per la poverta’ assoluta, nel 2015 la poverta’ relativa e’ piu’ diffusa tra le famiglie numerose, in particolare tra quelle con 4 componenti (da 14,9 del 2014 a 16,6%,) o 5 e piu’ (da 28,0 a 31,1%).

E il FMI ha detto, proprio ieri, che le stime di crescita dell’Italia per il 2016 vanno ridimensionate. Nulla di nuovo… succede ogni anno!

Print Friendly, PDF & Email
Rubriche TITALIC: la Ripresa c'è!