mercoledì, Dicembre 7, 2022
2.8 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Affidavit ramsland, da dominion alla truffa alle elezioni americane

Da leggere

di REDAZIONE

Poiché i media italiani non ne parlano, o riassumono malamente le discussioni in atto in USA sulle frodi elettorali, mi sono premurata di tradurre una delle tante testimonianze riguardo i probabili brogli. Ricordo che in America il reato di spergiuro è punito, a seconda degli stati da uno fino a cinque anni di prigione. Quello che segue è il testo di un “affidavit” ovvero una dichiarazione scritta e confermata da giuramento utilizzabile come prova in tribunale.

(Nota: i comuni attribuiti al Michigan nelle tabelle sono in realtà comuni del Minnesota, come hanno già notato i giornalisti dem, ma questo non altera la sostanza: qualunque giudice super partes di fronte ad una testimonianza come questa, chiederebbe di indagare. Quanto meno sui tabulati inviati alle varie testate, per verificare la veridicità delle affermazioni qui esposte).

Case 1:20-cv-04651-SDG Document 7-1 Filed 11/18/20 Page 1 of 9 – Affidavit di Russell James Ramsland, Jr.

  1. Il mio nome è Russell James Ramsland, Jr., e sono residente a Dallas County, Texas.
  2. ASOG fornisce una gamma di servizi di sicurezza, ma pone un’enfasi particolare sulla sicurezza informatica, OSINT e test PEN delle reti. Impieghiamo un’ampia varietà di analisti cyber e cyber forensic. Abbiamo brevetti in attesa di registrazione in una varietà di applicazioni, da nuove applicazioni per la sicurezza di rete alla protezione SCADA e soluzioni di navigazione sicura per il dark e deep web.
  3. Nel novembre 2018, ASOG ha analizzato i log di audit per il server di tabulazione centrale dell’ES&S Election Management System (EMS) per le elezioni generali del 2018 di Dallas, Texas. Il nostro team è rimasto sorpreso dall’enorme numero di messaggi di errore che non avrebbero dovuto esserci . Erano a migliaia e l’operatore li ha ignorati e annullati tutti. Ciò ha portato a varie sfide legali in quelle elezioni e in alcune di esse abbiamo fornito prove e analisi.
  4. Di conseguenza, ASOG ha avviato uno studio di 18 mesi sui principali fornitori di EMS negli Stati Uniti, tra cui Dominion / Premier che fornisce servizi EMS in Michigan. Abbiamo svolto una ricerca approfondita della letteratura e abbiamo scoperto che c’è una bella storia di parti interessate sia democratiche che repubblicane nella vulnerabilità di Dominion. Lo Stato del Texas ha rifiutato la certificazione di Dominion / Premier per l’uso lì a causa della vulnerabilità. Successivamente, abbiamo iniziato a eseguire test PEN sulle vulnerabilità descritte in letteratura e abbiamo confermato noi stessi che in molti casi le vulnerabilità già identificate erano ancora aperte per essere sfruttate. Abbiamo anche notato una sorprendente somiglianza tra l’approccio al software dei sistemi EMS di ES&S e di Dominion / Premier. Questo era logico poiché condividono un’ascendenza comune nel sistema di voto Diebold.
  5. Negli ultimi tre decenni, quasi tutti gli stati sono passati da un formato a tecnologia relativamente bassa a un formato ad alta tecnologia che si basa pesantemente su una manciata di società di servizi private. Queste società private forniscono l’hardware e il software, spesso gestiscono le registrazioni degli elettori, conservano i registri degli elettori, gestiscono parzialmente le elezioni, programmano il conteggio dei voti e riportano i risultati. Il Michigan è uno di quegli stati.
  6. Questi sistemi contengono un gran numero di vulnerabilità all’hacking e alla manomissione, sia nel front-end dove gli americani esprimono i loro voti, sia nel back-end dove i voti vengono archiviati, tabulati e segnalati. Queste vulnerabilità sono ben note e gli esperti del settore hanno scritto molto su di esse.
  7. Dominion / Premier (“Dominion”) è una società privata degli Stati Uniti che fornisce tecnologie e servizi elettorali alle giurisdizioni governative. Numerose contee dello stato del Michigan utilizzano il sistema di gestione delle elezioni Dominion / Premier. Il sistema Dominion / Premier ha entrambe le opzioni: può essere un sistema di voto elettronico senza supporto cartaceo e senza registrazione permanente delle scelte dell’elettore, un sistema basato sul voto cartaceo o un ibrido di questi due.
  8. L’accumulatore centrale di Dominion / Premier Election Management System non include un registro di controllo protetto in tempo reale che conservi la data e l’ora di tutti gli eventi elettorali significativi. I componenti chiave del sistema utilizzano registri non protetti. In sostanza, questo consente a un utente malintenzionato di aggiungere, modificare o rimuovere arbitrariamente voci di registro, facendo sì che la macchina registri eventi elettorali. Quando un registro non è protetto e può essere modificato, non può più servire allo scopo di un registro di controllo.
  9. I miei colleghi e io ad ASOG abbiamo studiato le informazioni pubblicamente disponibili sui risultati delle elezioni del 3 novembre 2020. Sulla base delle anomalie significative e delle bandiere rosse che abbiamo osservato, riteniamo che ci sia una probabilità significativa che i risultati delle elezioni siano stati manipolati all’interno del sistema Dominion/Premier in Michigan. Il dottor Andrew Appel, professore di informatica ed esperto di sicurezza elettorale di Princeton ha osservato, con riferimento alle macchine per il voto di Dominion, “Ho capito come creare un programma per computer leggermente diverso che appena prima della chiusura dei sondaggi cambia alcuni voti da un candidato a un altro. Ho scritto quel programma per computer in una memory chip e ora per hackerare una macchina per il voto bastano 7 minuti da solo con essa e un cacciavite”. Alcune di queste bandiere rosse sono elencate di seguito. Fino a quando non verrà condotta un’analisi approfondita, sarà impossibile saperlo con certezza.
  10. Una bandiera rossa è stata vista ad Antrim County, Michigan. Nel Michigan abbiamo visto rapporti di 6.000 voti nella contea di Antrim che sono stati trasferiti da Donald Trump a Joe Biden e sono stati rilevabili solo attraverso un riconteggio manuale contato a mano. Mentre i primi rapporti hanno suggerito che fosse dovuto a un problema tecnico dopo un aggiornamento, è stato ritrattato e successivamente attribuito a “errore materiale”. Questa modifica è importante perché se non fosse dovuto a un errore materiale, ma a un “glitch” derivante da un aggiornamento, il sistema dovrebbe essere “ricertificato” secondo i funzionari del Dominion. Questo non è stato fatto. Siamo scettici su queste assicurazioni poiché sappiamo in prima persona che questo ha molte altre spiegazioni plausibili e deve essere condotta un’indagine completa su questo evento poiché ci sono altre 47 contee segnalate che utilizzano essenzialmente lo stesso sistema del Michigan. È nostra convinzione (in base alle informazioni che abbiamo a questo punto) che il problema molto probabilmente si sia verificato a causa di un problema tecnico in cui un file di aggiornamento non sincronizzava correttamente la generazione del codice a barre della scheda elettorale e le parti di lettura del sistema. Se è davvero così, non c’è motivo di presumere che si tratti di un errore isolato. Questo problema tecnico farebbe sì che i caricamenti dell’intero scrutinio venissero letti come zero nel batch di tabulazione, cosa che abbiamo anche osservato accadere nei dati (le schede provvisorie sono state accettate correttamente ma le schede di persona venivano rifiutate (azzerate e/o modificate (capovolte)). A causa della natura altamente vulnerabile di questi sistemi agli errori e agli exploit, è del tutto possibile che alcuni o tutti questi altri paesi possano avere lo stesso problema.
  11. Un’altra bandiera rossa statistica è evidente nel numero di voti espressi rispetto al numero di elettori in alcune circoscrizioni. Un’analisi preliminare utilizzando i dati ottenuti dal Segretario di Stato del Michigan individua un’anomalia statistica così lontana da ogni norma statistica da essere praticamente impossibile. Ci sono ben 3.276 circoscrizioni in cui i voti presidenziali espressi rispetto agli elettori stimati in base alle statistiche segnalate vanno dall’84% al 350%. La normalizzazione della percentuale di affluenza alle urne di questo gruppo all’80%, (ancora molto al di sopra della media nazionale per la percentuale di affluenza), rivela 431.954 schede in eccesso presumibilmente elaborate. C’erano almeno 19 circoscrizioni in cui i voti presidenziali espressi rispetto agli elettori stimati in base alle statistiche riportate superavano il 100%.

Questo modello suggerisce fortemente che l’algoritmo additivo (un miglioramento della funzionalità denominato “algoritmo di voto a scelta classificata” o “RCV”) è stato attivato nel codice come mostrato in Democracy Suite EMS Results Tally and Reporting User Guide, Capitolo 11, Impostazioni 11.2.2. Si legge in parte: “METODO RCV: questo selezionerà il metodo specifico di tabulazione dei voti RCV per eleggere un vincitore”. Ad esempio, le schede bianche possono essere inserite nel sistema e trattate come “annotazioni”. Quindi l’operatore può inserire una ripartizione delle scritture tra i candidati come desidera. Il risultato finale assegna quindi il vincitore in base ai “punti” dell’algoritmo nel calcolo, non ai voti effettivi. Il fatto che abbiamo osservato dati di voto non elaborati che includono cifre decimali suggerisce fortemente che ciò è stato effettivamente fatto. Altrimenti, i voti sarebbero rappresentati esclusivamente come numeri interi. Di seguito è riportato un estratto dal feed diretto di Dominion alle testate giornalistiche che mostra i voti effettivi calcolati con decimali.

  1. Un’altra bandiera rossa statistica nel Michigan riguarda il drammatico spostamento dei voti tra i due principali candidati del partito con l’aumento della tabulazione dell’affluenza alle urne. Una significativa irregolarità affiora. Fino a quando la tabulazione dell’affluenza alle urne non ha raggiunto circa l’83%, Trump ha generalmente vinto tra il 55% e il 60% di ogni punto di affluenza. Quindi, dopo che il conteggio è stato chiuso alle 2:00, la situazione si è drasticamente invertita, iniziando con una serie di picchi impossibili subito dopo che il conteggio avrebbe dovuto essersi fermato. I numerosi picchi espressi esclusivamente per Biden potrebbero essere facilmente prodotti nel sistema Dominion precaricando lotti di schede bianche in file come Write-In, per poi lanciarli tutti per Biden utilizzando la Procedura di Override (per lanciare schede Write-In) che è a disposizione dell’operatore del sistema. Alcuni lotti di schede bianche potrebbero facilmente produrre un’inversione così estrema, un’inversione che è quasi statisticamente difficile da spiegare quanto l’impossibilità dei voti espressi in rapporto al numero di elettori descritta nel paragrafo 11 sopra.

Dominion ha anche una funzione di “annullamento della votazione in bianco”. Essenzialmente un bucket di salvataggio per un secondo momento che può essere riempito manualmente in seguito.

  1. La bandiera rossa finale è forse la più grande. In Michigan è accaduto qualcosa di fisicamente impossibile, che indica che i risultati sono stati manipolati la notte delle elezioni all’interno dello SME.

L’evento riflesso nei dati sono i 4 picchi per un totale di 384.733 schede presumibilmente elaborate in un intervallo combinato di sole 2 ore e 38 minuti. Ciò è fisicamente impossibile data l’attrezzatura disponibile nelle 4 località di riferimento (circoscrizioni/comuni) che abbiamo esaminato per l’elaborazione delle schede elettorali, e incrociato sia con il tempo impiegato in ciascuna sede sia con le specifiche di prestazione che abbiamo ottenuto utilizzando i numeri di serie dei dispositivi di scansione utilizzati. (Modello DRM16011 – 60/min. Senza tenere conto di inceppamenti carta, copertine sostitutive o tempi di caricamento, quindi supponiamo 2.000 schede/ora in queste condizioni, stima probabilmente generosa).

Questo calcolo produce una somma di 94.867 schede come numero massimo di schede che possono essere elaborate. E mentre va notato che in caso di inceppamento e contatore non azzerato, le schede possono essere rieseguite ed efficacemente duplicate, ma ciò non escluderebbe l’impossibilità di questo evento perché anche le schede duplicate richiedono il tempo di elaborazione. L’esistenza del picco è fortemente indicativa di una regolazione manuale da parte dell’operatore del sistema (vedere paragrafo 12 sopra) o di un attacco da parte di attori esterni.

In ogni caso, ci sono state 289.866 schede elettorali in più elaborate nel tempo disponibile per l’elaborazione in quattro circoscrizioni/comune, rispetto alla capacità. Uno sguardo al grafico sottostante rende chiaro il meccanismo. Questo non è sorprendente perché il sistema è altamente vulnerabile a una modifica manuale dei totali delle votazioni, come osservato qui.

  1. In ASOG, crediamo che queste anomalie statistiche e queste impossibilità insieme creino un livello di dubbio del tutto inaccettabile sulla validità del conteggio dei voti nel Michigan, e nella contea di Wayne, in particolare.
  2. Se ASOG, o qualsiasi altro team di esperti con qualifiche ed esperienza equivalenti, potesse essere autorizzato ad analizzare i dati grezzi prodotti durante il corso delle elezioni, nonché i registri di audit generati dal sistema Dominion, probabilmente saremmo in grado di determinare se si è verificata o meno una manipolazione fraudolenta dei risultati elettorali all’interno del sistema di gestione elettorale di Dominion.

Questi log di controllo sono in possesso di Dominion.

  1. Tuttavia, ci sono diverse carenze con gli audit log di Dominion: (1) poiché i log sono log “volontari”, non impongono la registrazione di tutte le azioni; (2) i log possono essere modificati dalle persone che gestiscono il sistema; e (3) i registri non sono sincronizzati. A causa di queste carenze, è di fondamentale importanza che tutti i record giornalieri completi di dati grezzi prodotti durante ogni fase del processo di elezione siano resi disponibili per l’analisi (oltre ai log di audit), in modo che le lacune nei log di audit possono essere colmati nella misura migliore possibile. Questi dati grezzi, che sono in possesso di Dominion, dovrebbero essere individuali e cumulativi.
  2. Wayne County utilizza Dominion Equipment, dove 46 su 47 distretti/comuni mostrano un altamente improbabile 96% + come numero di voti espressi, utilizzando il numero di elettori della Segreteria di Stato nel distretto/comune; e 25 di quei 47 distretti/comuni mostrano un’affluenza al 100%.

Questo modello suggerisce fortemente che sia l’algoritmo additivo (un miglioramento della funzionalità denominato “algoritmo di voto a scelta classificata” o “RCV”) è stato attivato nel codice come discusso nel paragrafo 11 sopra, così come l’elaborazione batch dei voti bianchi, come delineato nei Paragrafi 12 e 13 precedenti, in cui sono state espresse 74.119 schede in più rispetto alla capacità di esprimerle durante il picco.

  1. Al fine di analizzare i dati e determinare la causa di queste anomalie, ASOG avrebbe bisogno dei log dell’amministratore per le applicazioni client EMS Election Event Designer (EED) e EMS Results Tally & Reporting (RTR). Quanto segue sarebbe richiesto da Premier:

Log XML e XSLT per:

  • Tabulatori
  • Risoluzione coppia di risultati
  • File dei risultati
  • Voti provvisori
  • Registri RTM
  • Profili classificati e log di Audit Trail dell’intera cronologia delle modifiche
  • Rapporto sulle votazioni respinte per codice motivo
  • Identità di chiunque acceda al dominio enr.dominionvoting.com
  • Registro del software Windows
  • Registro eventi di Windows
  • Registro di sicurezza di Windows del server stesso ospitato su Admin.enr.dominionvoting.com.
  • Accesso ai log nella loro estensione completa e ai log DNS.
  • Registri interni admin.enr.dominionvoting.com
  • Concorsi classificati e registri di Audit Trail dell’intera cronologia delle modifiche
  • Registro dei punti di trasferimento FTP
  1. Al fine di valutare i dati grezzi delle elezioni, i seguenti record sarebbero richiesti da Dominion.

Record elettorali giornalieri e cumulativi per coloro che hanno votato con una definizione sufficiente per determinare:

  • Nome degli elettori e indirizzo di voto registrato
  • Indirizzo a per la corrispondenza
  • O.B.
  • Numero ID elettore
  • Come votato (per posta, di persona in anticipo, di persona il giorno delle elezioni)
  • Dove votato (se applicabile)
  • Data di votazione (se applicabile)
  • Affiliazione al partito (se registrata)
  • Data della richiesta di voto per posta
  • Data di invio del voto
  • Data di registrazione del voto per posta (se applicabile)
  • Data di annullamento del voto (se applicabile)
  • File RAW, HTML, XHTML e SVG (immagini del voto)
  1. Qualsiasi supporto rimovibile (come thumbdrive, USB, schede di memoria, schede PCMIA, ecc.) utilizzato per trasferire le schede elettorali al conteggio centrale dalle postazioni di voto.
  2. Accesso o controllo di TUTTI i router, tabulatori o loro combinazioni (alcuni router sono all’interno del case del tabulatore) al fine di raccogliere i log di sistema. Allo stesso tempo, dovrebbe essere ottenuto l’IP pubblico del router.
  3. Qualsiasi chiave, chiave di autorizzazione e yubikey

In fede, Russell James Ramsland, Jr. (18/11/2020)

TRADUZIONE DI GIULIANA BARBANO – Il documento originalesi può trovare qui.

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti