mercoledì, Agosto 17, 2022
21.4 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Arresti in lombardia? conseguenze della solita politica all’italiana

Da leggere

prolombardiaRICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Quel pezzo di Europa che si chiama Lombardia può essere vista in due modi: una nazione senza Stato meritevole di autodeterminazione, o una regione italiana degna solo di installarvici il proprio comitato d’affari. La seconda visione è quella che sfortunatamente impera nei palazzi governativi lombardi dà, praticamente, l’istituzione dell’ente regione; al netto della retorica garantista, l’arresto del vicepresidente Mario Mantovani mostra quello che è nei fatti la politica dei partiti italiani in Lombardia: occupare poltrone e potere da utilizzare per gli affari propri e del comitato d’affari di riferimento.

Non dobbiamo dimenticare infatti che la Giunta precedente (stessa coalizione dell’attuale, ma diversi rapporti di forza) cadde anticipatamente al seguito di altre inchieste giudiziarie; evidentemente la regola matematica della proprietà commutativa “cambiando l’ordine degli addendi, la somma non cambia” può benissimo essere applicata alla politica lombarda.

Dovrebbe essere questo il governo lombardo pronto a chiedere “più autonomia” a Roma? Dovrebbero essere questi gli  attori politici pronti a mettere in scena uno scontro istituzionale? Decisamente, no. Sia la classe politica scozzese sia quella catalana, ovvero le protagoniste dei recenti processi indipendentisti / autonomisti in ambito europeo, sono risultate essere migliori della nostrana; i risultati sono sotto gli occhi di tutti, il loro successo parla da sé.

Vedendo le recenti elezioni in un’altra nazione al momento facente parte dello Stato italiano, ovvero il Veneto, non si può certo dire che la coalizione opposta (ovvero PD e compagnia cantante) abbia a cuore innanzitutto la propria patria locale; per essi le elezioni rappresentano niente altro che un sondaggio sulla popolarità del Governo romano di Matteo Renzi.

In Lombardia si deve cambiare aria fin da subito, ed è necessario che la proposta indipendentista sia presente almeno nella futura competizione elettorale; come pro Lombardia indipendenza faremo di tutto per esserci, per dare la possibilità ai lombardi di poter esprimere realmente un’intenzione indipendentista.

PRO LOMBARDIA INDIPENDENZA

- Advertisement -

Correlati

2 COMMENTS

  1. OK, giocatevela… Solo INDIPENDENZA ben spiegata e motivata (residuo fiscale, identità culturale ed economica). Nient’altro.

  2. Io non sono garantista, perché ritengo i politici italiani del tutto inaffidabili, e potenziali delinquenti.
    Appena hanno in mano anche una fettina di potere , regolarmente strabordano e si rendono attori di abusi e ruberie di ogni genere.
    Questa è una delle ragioni per cui io non voto più ad elezioni di qualsiasi natura.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti