martedì, Dicembre 6, 2022
1.9 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Berlusconi, la minetti, le principessine e il “vero amore”

Da leggere

di PONGO

Cara ragazza, nata a Rimini nel 1985, diplomata al liceo classico per cui di una certa cultura da non sottovalutare e poi giunta a Milano per conseguire la laurea di 1° livello presso l’Università  Vita-Salute al San Raffaele  in igiene dentale, cosa che avvenne nel 2009.  Sicuramente avendo da parte sua certi indiscussi attributi fisici  gustosi come le piadine della sua terra, a Nicole capitano  alcune occasioni come hostess,  modella ed anche in ambiente televisivo, valletta in un paio di programmi su Rai 2 ed uno su  Italia 1. Più o meno in questo ambito le capitò incontrare Lui, il Cavaliere, il Principe azzurro! Un’ altra probabilità dell’ incontro, si dice,  fu anche il ricovero del Cavaliere al San Raffaele in seguito al violento Duomo ricevuto drammaticamente  in faccia. Il San Raffaele, giusto dove lei stava studiando. E lì la fanciulla ci è cascata e  proprio Lui fu il primo ad esibirsi in un discreto corteggiamento verso lei ed infatti  la sprovveduta provinciale ci rimase, cotta, stracotta e bruciata. Tesoro, che tenerezza  mi fa!

Alla faccia di tutti i malpensanti ed i pettegolezzi, Nicole ha detto chiaramente : “Fu un sentimento di amore vero”. Perché non crederle (?) seppure mi soggiunge così spontaneamente la frase di un comico americano : “Penso che il sesso sia la cosa più bella, naturale e pura che i soldi possano comperare”.  Come altrettanto naturale, oltre al sesso, le arriva la candidatura  nel 2010 da consigliere regionale in Lombardia nel listino bloccato di Formigoni. Grande genialità fu inserirla a botta sicura, diciamo “ad ogni costo” per volere di Silvio nella lista del meraviglioso pluri-presidente lombardo Roberto!

Quindi fu amore e vero sentimento per la nostra Nicole Minetti, che si innamorò del suo Principe, come se fosse Biancaneve. Con l’unica differenza che sono tante, anzi molte e tantissime le principesse che si innamorarono dello stesso principe. Oltre a Nicole? Per esempio Sabina Began, attrice slava ma quasi tedesca e di fatto italiana, detta l’Ape Regina, che ha addirittura  tatuate sul suo corpo le iniziali S.B.  e che disse : “E’ l’unico uomo che m’ha fatto sentire donna!”,  più o meno stessa frase pronunciata da Renato Brunetta: “E’ l’unico uomo che mi ha fatto sentire ministro!”.  In realtà tutti  sanno  anche se lui finge che la cosa sia ignorata e cioè che Silvio  fece di Brunetta   un ministro ad personam, ovvero l’unico ministro ad essere  più basso di lui!  Nessun’ altra ragione. Oltre alla Minetti e alla Began ci furono principesse a non finire, alcuni esempi : Evelina Manna, dal nome come piovuta dal cielo, e poi ancora Terry de Nicolò, Letizia Filippi, Carolina Marconi, Chiara Danese, Kararina Knezevic, ecc. per dirne solo pochissime di almeno qualche centinaio. Ultima l’attuale fidanzata ufficiale, Francesca Pascale, che anni fa fondò il club “Silvio ci manchi” ( parla per te, d’accordo?).  Praticamente è come se un solo  principe stesse con Biancaneve e contemporaneamente con  Cenerentola e poi con  Aurora cioè la bella Addormentata e mettiamoci pure Pocahontas, la sirenetta Ariel, Belle della Bella e la bestia ( secondo voi chi è la bestia?) e via via così… ma non essendoci più principesse disponibili sono state ammesse ovviamente anche escort, prostitute e sgualdrine.

Povera Nicole, coinvolta poi da Silvio anche per  l’affidamento di Karima El Mahroug ovvero Ruby Rubacuori, allora 17enne e nipote di Mubarak, dopo la figura di cacca del nostro ex primo-ministro. Anche lei povera Ruby, capitata  in seguito a convivere  in casa della prostituta Michelle Coincencao, altra frequentazione del buon Silvio.

Ma guarda i casi e le sfortune della vita! Ora Nicole Minetti rischia 7 anni come Emilio Fede e Lele Mora.  Che tristezza e tenerezza che mi fa quella povera ragazza di Rimini che tra una storia e l’altra, stipendi, pensioni, “cachets” per eventi e chissà cos’altro guadagna al mese migliaia e migliaia di euro!   Ma  vi assicuro,  non è lei che mi fa arrabbiare, come non mi fanno arrabbiare le principesse e puttane varie di Silvio. E non è neppure Berlusconi che mi fa diventare nervoso, assolutamente. Chi mi fa veramente infuriare e vomitare sono qui pazzi che da vent’anni lo votano e soprattutto continuano a votarlo e lo faranno ancora, mentre il mondo ininterrottamente ride di noi.

- Advertisement -

Correlati

4 COMMENTS

  1. Vero amore a nastro, in un florilegio di culi, tette, dentiere e “biancheria” di cuoio. E in qui…
    La cosa triste è che milioni di lombardi ancora votino per questa suburra di pruriginosi incapaci e furbetti, arrivati da tempo ai saldi di fine stagione.

  2. Berlusconi è votato dagli italiani poichè egli rappresenta il modello cui ispirarsi. Ogni italiano ha questo sogno segreto.

    • In paese dove le leggi e le pene vengono sempre interpretate a uso e consumo di chi si comporta male è ovvio che il modello al quale ispirarsi non è di sicuro quello del sant’uomo o della santa donna.

  3. “Grande genialità fu inserirla a botta sicura”

    Questa parte è semplicemente geniale, proprio “a botta sicura”. Chissà se esiste una lista con i cachet, qualcosa che equipari il numero di botte ai posti in scalata ai vari consigli pubblici.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti