giovedì, Dicembre 1, 2022
9.6 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Chat ed sms verranno controllati dal fisco amico

Da leggere

di REDAZIONE

Sempre più poteri nelle mani della Guardia di Finanza, la quale potrà utilizzare anche messaggi, sms, email e chat per stanare gli evasori e tutti coloro che infrangono la legge. È questa la notizia lanciata dal quotidiano Italia Oggi. Insomma, sarà davvero difficile difendersi da uno Stato che acquista sempre più forza nella lotta agli illeciti tributari, ora che anche sms e chat saranno controllati dal fisco.

È possibile che il “Fisco Amico” si avvalga di semplici messaggini per scoprire gli evasori? Che valore può avere un sms oppure una semplice email, magari inviata per gioco a un amico? Ebbene, devi sapere che la giurisprudenza ha oramai riconosciuto il valore probatorio anche di questi messaggi.

Secondo la Corte di Cassazione l’sms contiene la rappresentazione di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti ed è equiparabile a una normale riproduzione meccanica, per cui esso forma piena prova dei fatti e delle cose rappresentate, se colui contro il quale viene prodotto non ne contesti la conformità ai fatti o alle cose medesime.

Sempre secondo la Suprema Corte, «il messaggio di posta elettronica (cd. e-mail) costituisce un documento elettronico che contiene la rappresentazione informatica di atti, fatti o dati giuridicamente rilevanti che, seppure privo di firma, rientra tra le riproduzioni informatiche e le rappresentazioni meccaniche e, pertanto, forma piena prova dei fatti e delle cose rappresentate se colui contro il quale viene prodotto non ne disconosca la conformità ai fatti o alle cose medesime».

Continuate pure a firmare le stupide carte sulla privacy che vi presentano negli hotel. La vostra privacy, con lo Stato, è solo una chimera! Del resto, anche Hitler diceva: “Se non hai nulla da nascondere, non hai nulla da temere”. Proprio come un governante democratico qualsiasi!

- Advertisement -

Correlati

1 COMMENT

  1. Queste cose accadono già con la lotta al terrorismo, poi si scopre che i terroristi “veri” quelli addestrati e determinati, usavano le chat dei videogiochi, telegram, cellulari con sim estere intestate a persone insospettabili per comunicare, più o meno quello che stanno già facendo i politici italiani, nota associazione a delinquere.
    Alla fine finirà che i controlli su sms,chat e altro colpiranno i soliti che sono già vittime degli accertamenti fiscali: il macellaio sotto casa, il tabaccaio all’angolo, l’edicolante dietro l’angolo che non sono certo quelli con il conto alle Cayman e la sede legale e fiscale in Olanda….

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti