VENEZUELA, LAVORO IN NERO E CERCO DOLLARI. INTANTO CONTINUO A PROTESTARE

di MARIETTO CERNEAZ Secondo un recente rapporto della società di consulenza Ecoanalítica, le transazioni in valuta statunitense raggiungono ora il 53% del valore totale di quelle effettuate nel paese. A Maracaibo, una delle città più importanti del paese e tra le più colpite dalla crisi economica, questa percentuale sale all’86%. Il bolivar è carta straccia, paga cara l’inflazione! Tuttavia, secondo gli studi, un ampio settore della popolazione non ha accesso alla moneta o lo ha solo sporadicamente. Ci sono molti che ricevono lo stipendio o la pensione in bolivar, la moneta nazionale, che da anni sta perdendo valore a causa dell’iperinflazione che il paese soffre. Iperinflazine finanche a sei zeri. Nicolás Maduro ha detto, in una recente intervista, che “la dollarizzazione può servire per la ripresa” e come “valvola di fuga” per l’economia del paese, che ha perso più del 50% del suo prodotto interno lordo (PIL) negli oltre 6 anni in cui il tiranno è stato al potere. Ma per Maduro, quelli che incassano…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo