COMUNICAZIONE E “FAKE NEWS”, PREMIATO IL PROFESSOR BERNARDINI

di REDAZIONE

Paolo L. Bernardini, Ordinario di Storia Moderna e direttore del DiSUIT, è stato insignito del Premio Speciale della Giuria, per persone che si siano distinte sulle aree di ricerca del premio, nella XIII edizione del Premio Paolo Michele Erede (2019-2020), bandito dalla Fondazione Prof. Paolo Michele Erede, col supporto della Regione Liguria, del Comune di Genova, e dell’Università degli Studi di Genova, oltre ad altre istituzioni di prestigio.

“Sono particolarmente lieto di questo premio, sia per il suo prestigio, sia per il fatto che viene dalla mia città, Genovaci ha detto il Prof. Bernardini, editorialista della nostra rivista -. In particolare, poi, sono stato premiato per un mio lavoro sul tema delle fake news. Un tema che è diventato veramente centrale in questo momento, qualcosa che gli stessi organizzatori non potevano immaginare al momento del bando, nel 2019”.

Il tema del premio era infatti “Che ne è della verità oggi? Il problema delle Fake News”.

“Nei miei lavori ho sempre prestato attenzione al rapporto della verità con la sua comunicazione. Ho in preparazione un volume sul tema rinascimentale della «veritas filia temporis», che riguarda ampiamente il rapporto tra verità e sua comunicazione. La comunicazione spesso cela la verità, o fa sì che essa in qualche modo venga riconosciuta come tale a distanza di tempo dal momento della sua rivelazione. Si tratta di un tema centrale della filosofia, di particolare rilevanza in un contesto di scienze della comunicazione, che noi insegniamo con grande successo qui all’Insubria.” Così ha concluso il Professore.

La premiazione avrà luogo a Genova, virus permettendo, nel mese di ottobre.

Rubriche CronacheVere