COVID-19, COME IL CAPITALISMO GLOBALE HA RAFFORZATO LA NOSTRA IMMUNITÀ

di JEFFREY A. TUCKER   Fin dall’inizio di questo virus, le élite politiche hanno usato il linguaggio della guerra. Il nemico invisibile sarebbe stato contenuto, soppresso e bastonato fino a sottomettersi. Poi… sarebbe scomparso. La tattica prevista è stata fondata su divieti ai viaggi, arresti, chiusure, separazione umana forzata e restrizioni alla respirazione. I modelli informatici hanno dimostrato che avrebbe funzionato sicuramente ed allora al diavolo la libertà, i diritti umani e la libertà di associazione. Siamo stati tutti usati come personaggi non giocanti (NPC’s) in un esperimento sociale, mai provato in tutta la storia dell’umanità, e in modi che sono in conflitto con tutti i valori in cui prima credevamo, in quanto società libere. Nessuno dei responsabili chiede la vostra opinione o la mia. Siamo qui solo per svolgere il nostro ruolo in un modello. È la “gamification” del dispotismo. La sua trasformazione in un videogioco. Il dogma ha continuato a svilupparsi in modi sempre più strani, come ad esempio con restrizioni assolutamente spregevoli…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche CronacheVere