DALL’11 SETTEMBRE AL COVID: IL GOVERNO TERRORISTA E LE SUE FOLLIE

di JAMES BOVARD È da poco ricorso il 19° anniversario degli attacchi terroristici al World Trade Center e al Pentagono. L’America non si è mai ripresa politicamente da quegli attacchi, e le risposte del governo alla pandemia di Covid stanno ripetendo molte delle stesse follie della Guerra al Terrore. Tre giorni dopo il crollo delle torri del World Trade Center, il presidente George W. Bush promise di “liberare il mondo dal male”. Dopo aver fatto una promessa stravagante che avrebbe dovuto guadagnargli derisione eterna, i media e l’élite politica si sono radunati intorno a Bush per dargli un potere illimitato per raggiungere questo obiettivo. Il fatto che gli attacchi dell’11 settembre siano stati preceduti dal più grande fallimento dell’intelligence dopo Pearl Harbor è diventato irrilevante. Oggi ci si aspetta che i presidenti liberino la nazione da tutti i rischi. Ai politici che promettono di tenere al sicuro i cittadini è stato concesso un potere illimitato di chiudere imprese, chiese e quasi ogni altra attività.  Il…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche ControPotere