DI MAIO, IL RICICLATORE DELLE PEGGIORI SCHIFEZZE KEYNESIANE

di MATTEO CORSINI

Quanto sia significativo il mix di ignoranza su come funziona l’economia e di malafede lo dimostra, tra i tanti esempi, il credito che, nel clima post elettorale, diversi commentatori stanno dando alle bislacche proposte del M5S per ridurre il debito in rapporto al Pil.

Questi riciclatori delle peggiori forme di keynesismo raccontano che risolveranno il problema grazie a mirabolanti investimenti pubblici con moltiplicatori stellari. Quindi vogliono far credere che, partendo da un debito che supera il 130% del Pil, sia facendo altro debito che si riduce il rapporto.

Non stanno dicendo nulla di nuovo, è una ricetta da venditori ambulanti di pozioni magiche, ma c’è chi li prende sul serio, notandone la svolta europeista a seguito del primo giro di consultazioni al Quirinale.

Ed ecco che sul Sole 24Ore (ma praticamente su tutti i principali quotidiani) si legge della nuova trovata pentastellata: “una promessa di taglio di quel macigno da quasi 2.260 miliardi con un’operazione di ingegneria finanziaria più volte vagheggiata nell’ultimo decennio. Che potrebbe basarsi sull’emissione di bond con immobili pubblici a garanzia. L’ipotesi al vaglio è quella di trasferirli a una società veicolo, dunque fuori dal perimetro dello Stato. Senza privatizzazioni o svendite, fumo negli occhi dei Cinque Stelle. Il quantum va definito, così come i contorni precisi. La preoccupazione, nel Movimento, è evitare cartolarizzazioni di tremontiana memoria.”

Il fumo negli occhi mi pare quello che questi signori cercano di soffiare in faccia a chi li ascolta. Possono anche trovare una forma per fare sembrare l’operazione diversa dalle cartolarizzazioni impostate qualche lustro fa da Giulio Tremonti, ma la sostanza economica non sarebbe diversa. E con ogni probabilità l’insuccesso sarebbe ancora più significativo, dato che il mandato della società veicolo sarebbe di evitare “privatizzazioni o svendite”. Ma se si vuole che gli immobili pubblici smettano di essere (solo) un costo per chi paga le tasse, non si può pensare di evitare vendite e, magari, affittarli a canoni fissati politicamente.

Probabilmente in Italia qualcuno potrebbe bersi le sciocchezze di Di Maio e dei suoi “esperti” economici, ma altrove nessuno si farebbe gabbare.

CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche Palazzacci