DIPENDENTI PUBBLICI, QUELL’INSOPPORTABILE CASTA DI INTOCCABILI

di MATTEO CORSINI

In occasione della trentesima edizione del Forum sulla pubblica amministrazione, il suo presidente, Carlo Mochi Sismondi, consegna al Sole 24Ore alcune riflessioni su cosa andrebbe fatto.

Se può essere condivisibile l’dea che i problemi della PA non si risolvano con stratificazioni successive di provvedimenti legislativi che aggiungono complicazioni e non migliorano la situazione, non stupisce che Mochi Sismondi non storca il naso riportando un passaggio di un recente provvedimento del governo. 
Dopo aver notato che l’età media dei dipendenti pubblici, al netto del personale appartenente alle forze armate e dell’ordine, è superiore a 54 anni, il presidente del Forum PA segnala che nei prossimi tre anni potrebbero uscire per pensionamento oltre 600mila persone. Ma attenzione:

  • A fronte di queste uscite il governo parla di opportunità di immissione di 450mila nuovi assunti nei prossimi tre anni. Il decreto Concretezza, ora alla seconda lettura al Senato, prevede una possibilità di assunzione pari al 100% del monte salari delle cessazioni.”

I firmatari del “contratto per il governo del cambiamento” pare che litighino ormai su tutto, tranne evidentemente quando si tratta di predisporre la cornice legislativa per fare informate massicce di assunzioni nel pubblico impiego.

Il decreto in questione, infatti, non prevede l’invarianza del numero di dipendenti, bensì l’invarianza del monte salari. Considerando che il costo pro-capite (per i pagatori di tasse) dei pensionandi è compreso in media tra il doppio e il triplo di quello di un neo assunto, si può dedurre che il decreto in questione da un lato potrebbe portare a un notevole incremento di dipendenti pubblici, dall’altro a un notevole incremento prospettico di spesa pubblica connessa all’aumento dell’anzianità di servizio degli odierni neo assunti. Questa è la “concretezza” del provvedimento.

Print Friendly, PDF & Email
Rubriche Palazzacci