DOPO “LA PONTIDA COMUNISTA”, LE SCRITTE CONTRO SALVINI E IL SINDACO

de IL POLENTONE Daniele Belotti, segretario della Lega di Bergamo, è un giullare di corte nato (vedi foto a lato). E’ uno di quei furbi che hanno capito che nella vita è meglio fare il politico che lavorare: non si fa una pippa, si raccontano un sacco di balle, si intasca un sacco di soldi e si vive alle spalle degli altri senza tante remore. Per quel che ha fatto il novello “cuor di leone” orobico (che un tempo urlava secessione e ora bacia il tricolore, la segreteria bergamasca è finita nel mirino degli indipendentisti rimasti nella Lega, soprattutto dopo aver deciso di far cancellare dal pratone di Pontida invaso dai comunisti la scritta “Padroni a casa nostra”. Ora, su Facebook, s’è scatenata la protesta. Sono apparse ieri – segnalate dallo sgamato Nunziante, con un perentorio “Vergognatevi” – un paio di scritte in cui si chiedono le dimissioni di Salvini e del primo cittadino pontidese (vedi foto sotto). Adesso, il post sta girando dappertutto sui social e io che sono un po’ tardo…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche IlPolentone