ECCO IL 17° SEGNALE DELLA RIPRESA: L’ELENCO DELLE TASSE GIÀ AUMENTATE

TASSE 3di LUIGI CORTINOVIS

Non c’è talk show in cui non passi un rappresentante del governo a dire – tra una battuta e l’altra – “che Renzi ha abbassato le tasse“.

Mai fandonia ha trovato tanta eco come di questi tempi. Perché? Perché lo hanno imparato da Goebbels, ministro della propaganda nazista, che soleva dire: “Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità”. Non per noi però.  Dal 1° gennaio 2015 sono scattati una serie di aumenti di imposte che stanno interessando tutti. Vediamo quali:

Avevamo già parlato dell‘aliquota per le partite Iva iscritte alla sezione separata dell’Inps: l’aliquota passerà dal 27,72 al 30,72%.

Acqua: L’aumento previsto per il 2015 sarà del +4,8%. Tuttavia, vi sono anche 6 milioni di consumatori che lo scorso anno hanno avuto una riduzione della bolletta del 10%.

Benzina e gasolio: L’aumento della fiscalità sui carburanti era previsto da un apposito decreto del Mef del 30 novembre 2013 e sarebbe dovuto scattare dal primo gennaio per finanziare il taglio della prima rata dell’Imu, circa 671 milioni di euro per il 2015 e 18 milioni per il 2016. L’ultimo decreto Milleproroghe l’ha rinviato di 12 mesi.

Pedaggi autostradali: L’aumento medio per l’intera rete autostradale sarà dell’1,32%, ma per alcune autostrade si arriverà a pagare l’1,5% in più.

Contributi previdenziali per artigiani e commercianti: per queste categorie di lavoratori l’aliquota del prelievo Inps sale dal 22,20% al 22,65% (è il caso degli artigiani) e dal 22,29% al 22,74% per i commercianti.

Tassazione dei fondi pensione: sale dall’11 al 20% l’aliquota relativa all’imposta sostitutiva che si applica sul risultato netto maturato dai fondi di previdenza complementare in ogni periodo di imposta.

Birra e prodotti alcolici: l’accisa sulla birra passa da 2,7 a 3,04 per ettolitro, mentre quella sui prodotti alcolici intermedi (come ad esempio, vini liquorosi, vini aromatizzati ecc.) da 80,71 a 88,67 per ettolitro. L’accisa sui superalcolici (rhum, whisky, gin, ecc.) passa da 942,49 a 1.035,52 per ettolitro.

Tassazione sulla rivalutazione del TFR: l’aliquota relativa all’imposta sostitutiva delle imposte sui redditi – si applica ai redditi derivanti dalla rivalutazione del trattamento di fine rapporto – sale dal 11% al 17%.

Aumenta l’Iva per l’acquisto dei pellet: l’imposta applicata all’acquisto del combustibile pellet, previsto dalla Legge di Stabilità, è passata dal 10 al 22%. Secondo Federconsumatori l’aumento comporterà un aggravio medio di 50 euro per le famiglie che utilizzano questa forma di combustibile meno inquinante.

Tranquilli… mancano ancora 11 mesi alla fine dell’anno!

Rubriche TITALIC: la Ripresa c'è!