mercoledì, Aprile 17, 2024
13.8 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Energia, metà’ della bolletta è composta da imposte e tasse

Da leggere

di REDAZIONE

Lo abbiamo scritto, riscritto e ribadito talmente tante volte da aver perso ogni speranza.

Infatti, in tempi di legge finanziaria e finte promesse, riecco apparire lo sconfortante dato del costo dell’energia.

In Italia il prezzo lordo dell’energia elettrica per kilowattora “è pari a 16,42 centesimi di euro, valore questo che fa dell’Italia la quarta bolletta energetica più salata nella graduatoria dei 28 Ue”.

Questi i dati del focus Censis-Confcooperative dal titolo ‘La competitività tradita. La rana salta con le zampe legate’ che sottolinea l’ampia differenza fra prezzo lordo e prezzo al netto di imposte e tasse: “è pari a 7,50 centesimi di euro, quasi la metà della bolletta se ne va in imposte e tasse”.

Fa ridere leggere di “Competitività tradita” da parte di Confcooperative, pensando che a capo del gabinetto del fu ministro Calenda c’era un cosiddetto “liberista” che prometteva liberalizzazioni e bollette meno care.

Ad ogni buon conto, attenzione: non è che col metano vada meglio!

 

Correlati

1 COMMENT

  1. Quando lo stato mette becco nel settore energetico può succedere solo questo.
    Se fossi nelle condizioni, io mi attrezzerei per essere energeticamente autonomo.
    Non sottoscriverei alcun contratto di fornitura per gar ed elettricità.
    Coi risparmi che avrei sui costi delle normali bollette mi ripagherei, almeno in parte, gli impianti in qualche anno.
    Capisco sempre di più i preppers.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli recenti