ERMES MATTIELLI, LA FIEREZZA DELL’UMILE CONTRO LA PREPOTENZA DEL POTERE

di ALESSANDRO MORANDINI Accanto agli esponenti del CNLV, ai militanti della Life, ai leader ed a tutti gli attivisti indipendentisti che possiedono la serenità necessaria per combattere la lotta contro lo stato italiano; accanto agli eroi Serenissimi ed a tutti coloro che sono ancora oggi costretti a giustificare l’intelligenza della storia di fronte alla magistratura italiana; accanto a chi ha pacificamente criticato la stupida idea di sovranità assoluta, divina ed eterna dello stato italiano, esistono tante persone semplici ed umili che manifestano profondo radicamento nella cultura popolare ed ostacolano il perpetuo tentativo promosso dallo stato di uniformare e controllare la vita di ogni individuo. Sono amati dalla gente comune, che li ammira in quanto autorevoli testimoni di un sapere semplice ed indistruttibile (che non è tutto il sapere che l’essere umano ha saputo sviluppare, ma che è importante fondamento del buon comportamento morale). Nei periodi storici attraversati da importanti cambiamenti o nelle società oppresse da un potere divenuto intollerante e delirante, queste persone sono costrette…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Rubriche PensieroLibero