Gadget erotici tra i rimborsi spese, Freiheitlichen nega il fatto

di REDAZIONE Gadget erotici nei rimborsi spese dei gruppi consiliari. Tre la spese di rappresentanza del partito Freiheitlichen ci sarebbe anche uno scontrino di un sexy shop. Tra gli oggetti acquistati un vibratore. È quanto avrebbe scoperto la Guardia di Finanza nell’ambito di una inchiesta della Procura sulle rendicondazioni dei gruppi consiliari. Uno scontrino a luci rosse, risalente al 16 maggio 2012 che, secondo il procuratore titolare dell’inchiesta, mancava nella rendicontazione obbligatoria del 2013 presentata dal gruppo.  In un primo momento la consigliera Ulli Mair – raggiunta telefonicamente dal portale altoatesino Goinfo – aveva parlato di un “regalo”, poche ore dopo è invece seguita la smentita del partito. “Abbiamo comprato quel materiale per fare uno scherzo di compleanno ad un collega”, riporta il portale Goinfo citando la consigliera. “Lui  è una persona avvezza alla burla, è un mattacchione. E così, abbiamo pensato di fargli un regalo di compleanno, decisamente un pò spinto, tutto qua”. Il capogruppo e leader storico dei Freiheitlichen sudtirolesi Pius Leitner si è detto stupito dell’accaduto “se così fosse…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche Cronache