venerdì, Ottobre 7, 2022
20.7 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Covid, gli svizzeri voteranno al referendum sulle restrizioni del governo

Da leggere

di SAM JONES

Mercoledì il gruppo Amici della Costituzione ha consegnato una petizione di 86.000 firme raccolte negli ultimi tre mesi – ben oltre le 50.000 richieste – per avviare formalmente una votazione a livello nazionale per abrogare la legge Covid-19 del 2020 in base al sistema democratico altamente devoluto della Svizzera .

L’esito sarà legalmente vincolante, con una votazione prevista già a giugno. Mentre la pandemia ha messo in luce fratture sociali e politiche in tutta Europa sui diritti dei cittadini, in Svizzera – dove i diritti degli individui sono spesso trattati come culturalmente sacrosanti e i poteri del governo sono severamente vietati dalla legge – le tensioni sono diventate particolarmente evidenti.

“A nostro avviso, il [governo] sta approfittando della pandemia per introdurre più controllo e meno democrazia”, ha detto al Financial Times Christoph Pfluger, membro del consiglio di Friends of the Constitution.

Ha aggiunto: “I problemi a lungo termine che deriveranno da questo tipo di approccio saranno gravi. Siamo un movimento che afferma che la gestione delle crisi non può essere fatta senza la volontà del sovrano: il popolo. Non puoi governare senza il popolo”.

Il signor Pfluger ha affermato che la Svizzera sarebbe il primo e forse l’unico paese a dare ai suoi cittadini un voto diretto sulle restrizioni del coronavirus. Fino alla fine di dicembre, il Consiglio federale al governo di Berna era stato riluttante a imporre restrizioni durante la seconda ondata di pandemia.

La ferma opposizione di molti svizzeri a ulteriori frenate e terribili avvertimenti da parte di molti dei gruppi di lobbying più potenti e influenti del paese sulle conseguenze economiche di un’altra chiusura ha prevenuto l’azione nel periodo che precede il Natale, anche se i numeri dei casi sono aumentati alle stelle.

Un sondaggio condotto dal Sotomo Research Institute svizzero per l’emittente statale SRF a novembre ha rilevato che il 55% degli svizzeri era preoccupato che le proprie libertà individuali fossero limitate da misure governative. Lo stesso sondaggio ha rilevato che anche un coprifuoco delle 23:00 per bar e ristoranti è stato considerato troppo restrittivo da un terzo degli intervistati svizzeri.

Il sig. Pfluger ha affermato che la sua campagna è stata “stupita” dal livello di sostegno dei volontari ottenuto nelle ultime settimane e dalla velocità con cui è stata in grado di raccogliere le firme.

L’approccio del laissez-faire del governo svizzero è esploso in una situazione di stallo diplomatico all’inizio di dicembre quando il paese ha rifiutato di forzare la chiusura delle sue stazioni sciistiche, con rabbia dei suoi vicini alpini.

Il 18 dicembre, tuttavia, Berna è stata costretta a ordinare la chiusura di ristoranti, bar e strutture ricreative a livello nazionale che rimarrà in vigore fino alla fine di febbraio. Mercoledì la chiusura è stata estesa ai negozi che vendono beni non essenziali. Il referendum avviato mercoledì prende di mira la legislazione che sostiene tali freni.

La legge Covid-19, approvata dai legislatori a settembre, fornisce alle autorità svizzere una base giuridica continua per imporre restrizioni per gestire l’epidemia di coronavirus nel paese.

Prima della legislazione, Berna aveva il potere di frenare la vita pubblica solo attraverso decreti di emergenza unilaterali ai sensi della legge svizzera sulle epidemie. Tali poteri erano strettamente limitati nel tempo e soggetti a un oneroso controllo parlamentare.

I critici della campagna per abrogare le nuove leggi osservano che nel momento in cui si terrà il referendum, non solo la pandemia sarà probabilmente in remissione, ma molte delle disposizioni legali concesse ai sensi della legge Covid-19 saranno automaticamente scadute in base alle clausole di tramonto scritto nella legislazione.

Gli Amici della Costituzione affermano di lottare per garantire che non si crei un precedente per le emergenze future. “A livello puramente oggettivo, la legge [Covid-19] non è così importante”, ha affermato Pfluger. “Ma è una parte di un puzzle più grande.”

Secondo l’Ufficio federale della sanità pubblica, martedì il paese ha registrato 3.001 nuove infezioni, un tasso di 477 ogni 100.000 cittadini. I numeri sono diminuiti lentamente ma costantemente dal nuovo anno e sono nettamente in calo rispetto al picco di 10.558 nuovi casi giornalieri registrati il 2 novembre.

Copyright The Financial Times Limited 2021

TRADUZIONE DI MAURO GARGAGLIONE

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti