giovedì, Maggio 23, 2024
14.4 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Halving di Bitcoin, inflazione in picchiata e implicazioni future

Da leggere

di FRANCESCO TEDESCHI

Con l’halving di ieri, Bitcoin segna una data storica! Perchè?

Bitcoin è stato progettato per essere la cosa più simile all’oro. Perchè questa scelta? Perchè l’oro si è imposto nella storia come la migliore forma di moneta Perchè si è imposto? Perchè è scarso. In termini economici, si dice che una risorsa è scarsa se è in quantità limitata e/o perchè non è possibile riprodurla facilmente in quantità illimitata L’oro ha entrambe queste caratteristiche: ce n’è poco, e non è possibile incrementare la produzione in modo economico più di un certo limite.

In tutta la storia la produzione di nuovo oro, rispetto a quello già presente, non ha mai superato l’1,5% – 2%. Ossia in tutta la storia, ogni anno, non è stato prodotto nuovo oro in quantità superiore all’1,5% – 2% di quello esistente.

Grazie alla sua scarsità (e al fatto che non si arrugginisce, non si corrode, eccetera) l’oro si è imposto come moneta più utilizzata nella storia. Sebbene oggi l’economia mondiale non si basa purtroppo sull’oro, ma su monete fiduciarie stampabili a piacere dagli stati, il valore dell’oro è sempre considerato un punto di riferimento. Se il prezzo dell’oro aumenta, è un segnale del fatto che le monete fiduciarie, ossia le monete FIAT, si stanno svalutando. Bitcoin, come accennato, è stato progettato per essere la cosa più simile all’oro. L’oro richiede, per essere estratto, degli strumenti (picconi e pale) e dell’energia, ossia l’energia fisica di picconare la pietra. Oggi richiede dei macchinari enormi e dell’energia sotto forma di benzina per far funzionare i macchinari, ma sempre degli utensili e dell’energia.

Bitcoin per essere estratto, ossia minato, richiede degli utensili, ossia dei computer, e l’energia elettrica per farli funzionare. L’altra analogia con l’oro è che Bitcoin sarà sempre in quantità limitata, non ci saranno mai più di 21 milioni di Bitcoin, cifra a cui ci avvicineremo man mano, e che la produzione di nuovi bitcoin è limitata e programmata.

Con l’halving di ieri, che porta a produrre “solo” 3,125 nuovi bitcoin ogni 10 minuti, e con 19 milioni di bitcoin già estratti, ogni anno si creerà meno del 1% di nuovi Bitcoin rispetto a quelli già esistenti. Quindi, da oggi l’inflazione di bitcoin, ossia la creazione di nuovi bitcoin rispetto a quelli esistenti, è inferiore a quella dell’oro. Ecco perchè l’halving di oggi è più importante dei precedenti.

Implicazioni pratiche? Questo farà aumentare di per se il valore di Bitcoin? In realtà no, il vero valore di Bitcoin si vedrà man mano che verrà adottato come moneta di scambio.

Il primo segnale si vedrà mano a mano che gli scambi si sposteranno fuori dagli exchange. Le nuove norme europee ed italiane porteranno sempre più gente a scambiare Bitcoin in cambio di contanti (o di prodotti), senza passare dagli exchange. Ovviamente chi vende Bitcoin in cambio di soldi di carta, vuole un “sovrapprezzo” rispetto al prezzo “ufficiale” che si vedrà sugli exchange. E’ la stessa cosa che succede nei paesi stra indebitati: esiste un cambio ufficiale della loro moneta contro il dollaro o l’euro, e un prezzo “sulla strada”, in cui realmente la valuta di stato viene scambiata con valute più forti.

Ciò vuol dire che le valute di stato si svaluteranno sempre più velocemente rispetto a Bitcoin.

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli recenti