I GILET GIALLI? L’ENNESIMA MARMAGLIA STATO-COMUNISTA

di FRANCO CAGLIANI

Hanno fatto discutere molto per le loro proteste, ma chi sono? Cosa vogliono dunque? Lo apprendiamo leggendo un articolo tratto dal blog L’Individualista Feroce, che ci ricorda che le richieste dei cosiddetti “Gillet Gialli” sarebbero queste:

Manifestazioni a Parigi

  • – Aumento del salario minimo.
  • – Riduzione dei senzatetto (ossia, assistenzialismo).
  • – Imposizione di un “Salario Massimo” a 15’000 euro al mese (ma così le multinazionali non otterrebbero più “plusvalore” dai dipendenti? Nota: quella del plusvalore è una teoria sbagliata lo stesso).
  • – Aumentare la progressività delle imposte (alzarle ai benestanti e ai ricchi).
  • – Riduzione dell’età per il pensionamento (tanto la pagano i giovani).
  • – Aumento della pensione minima a 1’200 euro (e la pagano i lavoratori).
  • – Fine dell’austerità ( ossia nuovo debito, chi paga? noi).
  • – Tetto massimo agli affitti.
  • – Più assistenza e “solidarietà” ai richiedenti asilo.
  • – Parcheggi gratuiti.
  • – Tassare di più le grandi aziende.
  • – Tutti i salari devono essere riadattati con l’inflazione (proposta che va comunque a scapito dei dipendenti)
  • – Impedire le delocalizzazioni (perché dopo che alzi le imposte a tutti i ricchi, vorranno fuggire, astuti questi gilet gialli).
  • – Imporre l’uso delle auto a idrogeno (perché “le grandi multinazionali non cielo dicono” siccome vogliono fare profitti col carburante classico… certo).
  • – Impedire le privatizzazioni.

Infine, ciliegina sulla torta: calmiere sul prezzo del combustibile, la notizia ufficiale con cui la stampa italiana ha rilanciato questi signori.

Se questi rappresentano la libertà, avete le idee poco chiare!

CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo