I MEDICI CUBANI SCOPRONO IL SALARIO DI MERCATO E FUGGONO DA CASTRO

di JOSEPH SUNDE “Vieni istruito a Cuba e la nostra educazione è gratuita. La sanità è gratis, ma a quale prezzo? Finisci per pagare con la tua intera vita.” (Dr. Yaili Jiménez Gutierrez). Nel 2013, l’Organizzazione Mondiale della Sanità riuscì a negoziare un accordo con il quale Cuba avrebbe esportato medici in Brasile per servire le aree più povere e remote del paese. Così mentre il Brasile comincia a raccogliere i frutti di una migliore sanità e a veder scendere la mortalità, i medici cubani hanno cominciato a vedere il loro regime in una nuova luce. “Quando lasci Cuba per la prima volta, scopri molte cose verso che prima non vedevi”, ha dichiarato Yaili Jiménez Gutierrez, uno dei medici del programma, in un articolo del New York Times. “Viene un momento in cui ti stanchi di essere uno schiavo”. I medici cubani hanno cominciato a notare la disparità con quello che il loro governo “prende” dal governo brasiliano — quasi quattro volte il loro salario — così come i…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo