IGLESIAS E I SUOI INTASCAVANO I NARCO-SOLDI IN ARRIVO DA VENEZUELA ED ECUADOR

di CARLOS CUESTA Pablo Iglesias non si è accontentato di apparire come un “beneficiario” dei fondi giunti alla Fondazione CEPS, dalle dittature della droga, come risulta dalla documentazione che OKDIARIO ha già pubblicato. Il denaro che entrava in quell’ente pagato dal Venezuela o dall’Ecuador è stato distribuito tra i responsabili di ogni lavoro svolto e la Fondazione stessa: Iglesias è stato membro del Consiglio Esecutivo nel 2008 e 2009 e responsabile della Ricerca. Ma è anche che, nel periodo di predominio di Iglesias, gli 1,36 milioni sono arrivati ​​dal Venezuela e i 369.019 euro dall’Ecuador hanno avuto un trattamento un po ‘particolare: di ogni contratto più della metà del denaro pagato dalle dittature, non è stato speso per viaggi, pasti o computer. È stato messo da parte per mantenerlo “pulito”, cosicché la divisione tra Iglesias e la sua squadra fosse maggiore . Secondo i conti della Fondazione, almeno la metà del denaro della stragrande maggioranza degli accordi e dei contratti firmati con il Venezuela o l’Ecuador non è mai stata spesa. In altre parole, i paesi populisti pagavano per…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Rubriche FuoriDalMondo