IL CONTROLLO TOTALITARIO E ARROGANTE DEGLI AMBIENTALISTI

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!

di ROBERT W. FELIX

Una guerra all’ energia americana affidabile e accessibile – Aumentando il costo dei “combustibili fossili” di 10 volte, anche 20 volte (benzina a 30 dollari al gallone? 60 dollari al gallone?)

___________

“A poche ore dalla sua entrata in carica, il presidente Biden ha resuscitato l’Interagency Working Group riguardo al “costo sociale del carbonio” dell’era Obama – ma con l’aggiunta di direttive che gli permetteranno facilmente di elaborare un costo finale di 100, 150 o anche 200 dollari per tonnellata di anidride carbonica emessa dalle operazioni dei combustibili fossili”, scrive Paul Driessen.

“Le nuove direttive includono altri gas serra e “considerazioni di giustizia ambientale e di equità intergenerazionaletotalmente soggettive e malleabili. Gli “scienziati” del clima, i modellisti, gli economisti, gli “esperti di etica” e naturalmente le “diverse parti interessate” parteciperanno al processo. Anche gli scettici del pericoloso caos climatico causato dall’uomo possono partecipare, tuttavia il loro contributo sarà probabilmente ignorato e soppresso.

Le carte sono chiaramente truccate. L’esperienza passata suggerisce che il gruppo di lavoro elencherà ogni costo concepibile dell’uso dei combustibili fossili – mentre ignorerà totalmente gli enormi benefici del loro uso. Peggio, come spiego in questo articolo, tutto ciò è solo l’inizio di ciò che è sbagliato in questo processo truccato”.
___________

I costi sociali derivanti dal bando del carbonio

La messa al bando dei combustibili a base di carbonio imporrà costi enormi che il Team Biden ignora deliberatamente

Paul Driessen

Temendo che gli incessanti avvertimenti sui cataclismi climatici causati dall’uomo non sarebbero stati sufficienti a porre fine all’uso dei combustibili fossili negli Stati Uniti, l’amministrazione Obama-Biden ha incaricato uno speciale gruppo di lavoro dell’Interagency di inventare un concetto di “costo sociale del carbonio”. L’SCC avrebbe calibrato “scientificamente” il valore in dollari dei danni che una tonnellata di anidride carbonica emessa oggi in America avrebbe inflitto agli Stati Uniti e al mondo in futuro.

Il prezzo è stato fissato a 22 dollari/tonnellata nel 2010, aumentato a 36 dollari/tonnellata nel 2013, e altrettanto arbitrariamente aumentato a 40 dollari, prima di finire l’era Obama a 51 dollari/tonnellata. Il presidente Trump ha sciolto l’IWG e ha fatto ridurre l’SCC a meno di $10/ton. A poche ore dal suo insediamento, il presidente Biden ha resuscitato il gruppo di lavoro, ha ripristinato i 51 dollari/tonnellata come punto di partenza e ha ordinato alle agenzie federali di elaborare un SCC definitivo entro il 2022.

Aumentare il costo dei “combustibili fossili” di 10 volte, anche 20 volte

Questa versione “aggiornata” rifletterà “i recenti sviluppi nella scienza e nell’economia” del cambiamento climatico, compresi i costi di altri gas serra, ha detto la Casa Bianca. Prenderà anche in considerazione gli impegni degli Stati Uniti nell’ambito del trattato di Parigi sul clima, e soprattutto “considerazioni di giustizia ambientale e di equità intergenerazionale”. Gli “scienziati” del clima, gli economisti, gli “esperti di etica” e le “diverse parti interessate” parteciperanno tutti al processo, che molti si aspettano elaborerà un SCC finale di 100 o anche 200 dollari/tonnellata.

La metodologia dell’IWG per sviluppare le stime dell’SCC è così infinitamente flessibile, così priva di qualsiasi standard rigoroso, che potrebbe produrre quasi tutte le stime che Biden e i suoi zar del clima ritengono necessarie. L’aggiunta di “giustizia” ed “equità” al mix la rende doppiamente malleabile, doppiamente incline all’abuso da parte di un’amministrazione e di un partito democratico che sono ossessionati dal “cambiamento climatico causato dall’uomo” (anche i membri della Securities and Exchange Commission e del Dipartimento della Difesa devono essere impegnati a porre fine alla “crisi climatica”) e sono determinati a rendere l’America “carbon neutral” entro il 2050.

80% di energia senza carbonio entro 9 anni, 100% di energia “pulita” entro 14 anni

Il costo sociale del carbonio ha la funzione di far avanzare questa agenda e una legge di 981 pagine “CLEAN Future” che richiede che i generatori di elettricità forniscano l’80% di energia senza carbonio entro il 2030 e il 100% di energia “pulita” entro il 2035.

In questo momento, oltre l’80% di tutta l’energia statunitense e globale proviene dai combustibili fossili – e la Cina, l’India e altri paesi stanno costruendo migliaia di nuove centrali elettriche a carbone, oltre alle migliaia che hanno già. Quindi, anche l’annullamento totale dell’uso dei combustibili fossili e delle emissioni di CO2/gas serra da parte degli Stati Uniti sarebbe impercettibile e irrilevante in mezzo agli enormi e crescenti livelli di entrambi.

QUI, L’ARTICOLO ORIGINALE

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!
Categories ControPotere