mercoledì, Agosto 17, 2022
24.9 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Il covid spiegato ai vigliacchi e ai deboli di mente

Da leggere

di PIERGIORGIO MOLINARI

Riassunto per deboli di mente e servi vigliacchi:

1) L’età media dei deceduti causa Covid è sostanzialmente la stessa alla quale, statisticamente, ci si aspetta che un italiano medio muoia, ossia oltre gli 80 anni. Una volta si chiamava “vecchiaia” (e non si sa se i deceduti siano davvero vittime del virus, o se semplicemente una volta morti di infarto, di cancro, col cranio fratturato, ecc. si sia scoperto che erano positivi);

2) Tra tutti i deceduti, il 96.7 per cento presentava già da una a tre gravi patologie (tre gravi patologie nel 65.3 per cento dei casi, due nel 18,6 per cento, una grave patologia nel 12,8 per cento dei casi);

3) Sotto i 40 anni, in nove mesi di “pandemia” si sono registrati in tutto 109 decessi – e anche qui, non è dato sapere se rientri tra queste vittime Covid anche il nuotatore annegato qualche settimana fa e catalogato come “morto Covid” perché la sua salma tirata a riva ospitava il virus. Comunque, per avere una proporzione, nel 2018 sono morte 1218 persone in incidenti sul lavoro;

4) Tra i dieci e i nove anni di età, sempre in nove mesi di “pandemia” si sono contate 3 (tre) vittime in tutto. Anche qui, nulla si sa delle loro condizioni pregresse – ma per fare un raffronto, si può ricordare che in incidenti stradali nel 2019 sono morti 40 bambini. (Fonte dei dati: Istituto Superiore di Sanità, aggiornati al 18 novembre.)

In attesa di conoscere dall’Istat il dato generale sulla mortalità nel 2020 – l’unico che permetterà di capire quanti degli oltre 50.000 morti attribuiti al Covid rappresentino realmente un’anomalia statistica rispetto ai comuni cicli influenzali – tali sono i dati ufficiali.

Nel frattempo, sulla base di questo vi hanno già sottratto la libertà di muovervi, di lavorare, di ballare, di andare al cinema e a cena fuori, di divertirvi, di essere felici, e altre libertà ancora vi ruberanno per sempre; per questo vi multano se osate andare in giro da soli dopo le 22; per questo vi mandano in giro tutto il giorno con un bavaglio putrido sulla faccia, vi hanno tolto il futuro e hanno ridotto in miseria l’Italia. Sempre per questo adesso pretendono – ridicoli ancor prima che criminali – di stabilire con quante persone potrete trascorrere il Natale a casa vostra.

Quindi, quando leggete sui giornali o sentite qualcuno dire che le aziende e i negozi chiudono “a causa del Covid”, che la gente resta senza cure e muore perché la sanità è al tracollo “per colpa del Coronavirus”, e che “la pandemia” ci ha costretti a una “nuova normalità”, abbassatevi la mascherina e, con quanta più saliva riuscite a spremere dalle ghiandole salivari, sputate sul giornale o in faccia a chi parla (sperando di infettarlo, per una volta): a distruggere il vostro mondo e a portare paura e disperazione nelle vostre case sono stati una banda di delinquenti ignoranti, corrotti e assassini travestiti da politici, con l’aiuto di tanti, troppi collaborazionisti, tali per stupidità o per complicità. Non è colpa del virus: è colpa loro. Ma se continuate a lasciarli fare, è colpa vostra.

Post Scriptum: Inoltre, penso che Conte, il PD e i Cinque Stelle debbano essere trascinati a processo per i loro crimini, assieme ai magistrati eversivi e golpisti.

- Advertisement -

Correlati

4 COMMENTS

  1. Che le cifre siano gonfiate e che il covid sia diventato un metodo di governo è evidente. Non significa però che non esista o sia una semplice influenza. Utilizzare il dato statistico sui grandi numeri è fuorviante per descrivere la gravità di un fenomeno. Se la mortalità generale non è aumentata non significa che non vi siano moltissime persone che oggi sarebbero vive se non avessero contratto il covid o se fossero state curate adeguatamente. Altrimenti dovremmo accettare il medesimo calcolo sulla letalità del vaccino astrazeneca che qualcuno pretenderebbe di ignorare in quanto non inciderebbe sulla mortalità generale. Quando si tratta di esseri umani non ci si può rifare a statistiche da allevamento di pollame. Conosco persone uccise dal covid e meglio dalle mancate cure come persone ridotte in fin di vita per le trombosi dopo essersi vaccinate.
    Qualcuno le considera statistica ma la statistica ci lascia indifferenti se parliamo appunto di pollame, non di uomini o donne. Probabilmente se esaminassimo la mortalità generale durante gli anni di piombo e non individuassimo i morti per violenza politica diremmo che la mortalità generale non era aumentata. Ciò non toglie che quelle centinaia di morti per terrorismo hanno segnato un epoca e che il fenomeno che le ha provocate fosse della massima gravità. Il covid non curato uccide in maniera più frequente con l’innalzarsi dell’età e con l’aumentare delle patologie. Definirlo semplice influenza è assolutorio per chi è restato inerte mentre esso veniva lasciato libero di entrare in Italia per il rifiuto di creare un cordone sanitario attorno alla Cina. Ed è assolutorio per chi, pur conoscendo le cure adatte a ridurre la mortalità, utilizza i famigerati protocolli della “vigile attesa” finché per alcuni, per lo più anziani e malati, il covid diventa un dramma e la “condicio sine qua non”ossia la causa determinante della morte. Purtroppo dopo un anno ciascuno può farsi una piccola statistica dei conoscenti che hanno avuto il covid per avere un’idea chiara che il virus diventa particolarmente dannoso per chi è avanti con gli anni e/o ha anche lievi fattori di rischio. Personalmente non ho mai conosciuto morti per influenza che non fossero già moribondi mentre ne comincio a conoscere fin troppi morti per covid mal curato. La cosa grave è che le cure ormai note non vengono utilizzate e moltissimi che possono essere salvati si aggravano durante i giorni di “vigile attesa” e di ridicole cure previsti dal protocollo ministeriale. I migliori alleati di Speranza sono coloro che minimizzano la gravità del virus perché consentono che qualcuno possa affrontarlo come una qualsiasi influenza anziché con cure adatte. Il disastro è provocato dalla incapacità o dalla volontà di non curare il virus più che dal virus stesso. In questo chi finge di ignorarlo rischia di ottenere lo stesso risultato di chi non lo cura o non vuole curarlo. In entrambi i casi si finisce per non trovare di meglio che mascherine e lockdown per arginare il contagio

    • Il problema non è la sottovalutazione statistica, il nome della patologia non è in realtà Covid ma polmonite. Causata indubbiamente da un coronavirus, però non è la prima volta nella storia che l’influenza stagionale sia contrassegnata da un virus che predilige i polmoni in luogo dei bronchi. Era già capitato nel 2003 con la Sars e infatti il vero nome del virus “sconosciuti” è Sars – Covid 19. Quindi lo si conosceva già. Solo che nel 2003 non c’era ancora l’interesse a lasciar morire la gente di polmonite mentre adesso qualcuno ha pensato che possa essere utile “qualche migliaio di morti per sedersi al tavolo della pace”. Il dato statistico serve solo a contestare i professionisti del procurato allarme sul piano scientifico. A dire loro che se ogni scostamento statistico dovesse prevedere il blocco delle attività produttive e delle libertà personali come unica cura, tale decisione finirebbe per essere presa nella migliore delle ipotesi ogni tre anni. In aggiunta si deve evidenziare che il lieve scostamento statistico è un fattore prevalentemente italiano ed è causato dalle terapie volutamente sbagliate ordinate dai protocollisti. Nessuno escluso, gli amministratori locali dello schieramento solo apparentemente contrario si sono comportati come la maggioranza che sosteneva Mussoconte. Oggi nel sostegno a Mussodraghi ci sono anche loro. Compresi i “fratellastri” separati che fingono di opporsi ma che sarebbe interessante notare come stanno governando in merito la regione Marche.

  2. infatti, è la domanda che ci poniamo tutti: se non ci fosse stato il covid quanti sarebbero stati nello stesso periodo i decessi?…perchè é chiaro che c’è sotto sotto qualcosa che non torna, ad uso esclusivo della gestione della paura e dell’incertezza cui si devono sentire tutti per “ubbidire”… qualche interesse c’è per darsi tanto da fare a creare dubbi!…col dispiegamento di tanti soloni non è solo ignoranza!.. qualche finalità nascosta?.. o è solo per manovrare le masse rendendole insicure!?…a vantaggio di chi?

  3. Considerazione sul Post Scriptum: non succederà mai. Salvo una nuova Norimberga ma qui abbiamo contro anche gli angloamericani. Traditori, per altro; perché prima avevano garantito l’immunità di gregge senza restrizioni, mentre poi…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti