IL PEGGIO CHE AVANZA: LE FIAMME GIALLE DISPORRANNO DEI VOSTRI CONTI

di LEONARDO FACCO Per quelli che non si fossero accorti, da tre anni vige questa regola, imposta dal Grande Fratello fiscale italiano:  gli aguzzini dell’Anagrafe tributaria devono avere tutte le informazioni relative ai nostri rapporti con gli operatori finanziari! In sintesi: controllano 500 milioni di dati circa sui conti correnti. Ecco l’elenco: codice fiscale, numero identificativo del file, record progressivo, codice unico di identificazione del rapporto, saldo iniziale e finale e movimenti dell’anno; dati di bancomat e carte di credito, conti titoli, deposito a risparmio liberi e vincolati, rapporti fiduciari, gestioni di risparmio collettive e patrimoniali, certificati di deposito e buoni fruttiferi, derivati, contratti per conto di terzi e operazioni extra. Di più: visto che l’Italia è – economicamente parlando – la sorella maggiore della fallita Grecia, agli spioni di Stato è stato comunicato anche se avete cassette di sicurezza in banca e quante volte le avete aperte!  E la privacy?, si chiederà qualche ingenuotto. Carta straccia, lo ha sentenziato la Cassazione, ovvero i compari della casta criminale che abita i palazzi di Roma e…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche TITALIC: la Ripresa c'è!