INGHILTERRA, APPELLO DEI LEADER CONTRO L’INDIPENDENZA DELLA SCOZIA

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!

scotlandenglanddi LUIGI CORTINOVIS

Appello comune contro l’indipendenza della Scozia da parte dei tre principali leader politici britannici. David Cameron per i conservatori, Nick Clegg per i liberaldemocratici e il leader dei laburisti Ed Miliband hanno scritto un documento, firmato in maniera congiunta, promettendo agli scozzesi maggiori poteri “all’interno del Regno Unito”, nel caso il 18 settembre, al referendum per la secessione, i “no” dovessero prevalere sui “si'” al distacco di Edimburgo da Londra.

Il parlamento scozzese andrà “rafforzato”, hanno scritto i tre capi dei partiti di governo e di opposizione, cosi’ come la Scozia otterra’ maggiore “responsabilita’ fiscale e sicurezza sociale”. Il tutto avviene a poche ore dall’incontro-scontro televisivo fra Alex Salmond, indipendentista e primo ministro scozzese, e Alistair Darling, che guida la campagna ufficiale dei pro-Regno Unito, chiamata “pro-Uk Better Together”.

Secondo le promesse dei tre leader, alla Scozia verranno dati maggiori poteri dopo le elezioni politiche di maggio del 2015. Obiettivo dichiarato, “avere una Scozia piu’ forte all’interno di un Regno Unito ancora piu’ forte”, hanno scritto Cameron, Clegg e Miliband. Salmond, da par sua, risponde con sarcasmo dicendo che «gli scozzesi non si lasceranno prendere per il naso dai soliti, vecchi e mai mantenuti giuramenti di Westminster», chiudendo ogni spazio al dialogo.

Anche il Corriere della Sera ha iniziato a seguire la vicenda scozzese, con Fabio Cavalera, che ha scritto: “Il dibattito di due ore che si è svolto in tv fra Alex Salmond e Alistair Darling è stato un momento cruciale. In televisione si è giocata la partita dell’indipendenza. Da un parte l’ex manager di Royal Bank of Scotland, Salmond. E dall’altra l’ex cancelliere dello Scacchiere, l’ex ministro del Tesoro, il laburista Darling, a capo dello schieramento del no. L’ottimismo di Salmond («lontano da Londra saremo più ricchi col nostro petrolio») contro il pragmatismo di Darling («l’unione per gli scozzesi significa avere in tasca 1.400 sterline in più all’anno»). La volata finale è cominciata: se il Regno sarà Unito lo deciderà forse chi buca meglio il video”.

 

Condividi su MeWe: liberi articoli su liberi social!
Rubriche FuoriDalMondo