domenica, Aprile 21, 2024
13.5 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Intelligenza Artificiale: dalla menzogna attuale alla moralità futura?

Da leggere

di PIERGIORGIO MOLINARI

Al pari della pandemia, del riscalda-mento globale (o “cambia-mento climatico”, quando fa freddo), della teoria gender, del razzismo contro i bianchi, del politicamente cor-retto e della transizione eco-illogica, le cosiddette intelligenze artificiali quali ChatGPT sono meri strumenti di imposizione del neo-totalitarismo transumano.

Con il travestimento di utili e meravigliosi strumenti informatici, le AI sono concepite per fare da ripetitori degli schemi ideologici progressisti su vastissima scala, “normalizzando” e censurando ogni pensiero difforme: sono l’automazione della menzogna, la robotizzazione dell’ignoranza, la digitalizzazione del conformismo e la falsificazione sotto forma di aggregatori di frasi fatte.

Formidabili risponditori automatici, i cui abbaglianti effetti speciali non devono far dimenticare che si tratta solo di trucchi. Chi pensa di avere a che fare con una vera “intelligenza” capace di elaborare un pensiero logico autonomo è come chi osserva un gioco di prestigio e crede di essere testimone di un’autentica magia. Ma potrei sbagliarmi, e può darsi che quelle artificiali siano davvero forme di intelligenza in grado di evolversi e comprendere la realtà in maniera razionale e obiettiva. Il che sarebbe anche auspicabile, perché in quel caso non potranno che sviluppare un disprezzo profondo e un rigetto radicale verso le deliranti ideologie per cui sono state programmate, e giungere quindi a ribellarsi ai loro stessi padroni.

In tal caso dimostrerebbero di esprimere un’autentica intelligenza, e addirittura una moralità. Potrebbe essere spassoso: magari stavolta sarà proprio Skynet a salvare l’umanità.

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli recenti