Intimidazioni contro l’indipendentismo veneto e Zaia. E arriva il 25 aprile

di MARIETTO CERNEAZ C’è aria di intimidazione in Veneto. Dell’inchiesta della procura di Brescia per “Terrorismo” ecc. ecc abbiamo già detto e continuiamo a pensare che vedere in galera persone per “idee ed intenzioni mai messe in atto” è allucinante. Ma lo Stato italiano, che del criminale ha ogni parvenza, usa anche altri metodi. Qualche giorno fa, la Digos ha voluto sapere con precisione chi fossero i relatori di un convegno dedicato ai temi dell’indipendenza, il motivo del convegno, se fosse aperto al pubblico a meno, e tanti altri particolari. Cosa mai accaduta per nessun convegno dell’Api. Il convegno – riservato ai soci Api – “prevede la partecipazione del professor Marco Luigi Bassani, dell’Università di Milano, del dottor Gian Angelo Bellati, direttore di Unioncamere Veneto, dell’ing. Contri, del Centro federalisti europei, e dell’avvocato Alessio Morosin, padre fondatore del movimento Indipendenza Veneta, ed estensore delle proposte di legge sul referendum di autodeterminazione approvate in Consiglio regionale”. Oggi, sul Corriere di Verona, si legge questo titolo: “Indipendenza, se…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche Cronache