sabato, Settembre 24, 2022
15.1 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Juan de Mariana: la posizione morale di un coraggioso gesuita contro l’inflazione

Da leggere

di NATHAN A. KREIDER

Quando un problema ricorrente si ripresenta come una questione attuale, è utile guardare indietro ai grandi della storia per vedere la loro prospettiva collaudata nel tempo.

Mentre i crescenti tassi di inflazione in tutto il mondo impongono un peso sempre maggiore alla popolazione, un trattato tra i tanti si distingue come una condanna morale particolarmente severa e dura dell’inflazione da parte di un uomo coraggioso che aveva capito l’inflazione e il suo impatto. L’uomo in questione è Juan de Mariana (1536-1624), uno straordinario studioso gesuita spagnolo del suo tempo, noto per aver suscitato polemiche con le sue idee radicali, che spesso lo hanno messo nei guai.

La sua opera sull’inflazione, scritta più di 400 anni fa, è il De monetae mutatione (pubblicato in inglese come A Treatise on The Alteration of Money). Questa ferma presa di posizione contro l’inflazione gli valse un’accusa di tradimento e l’imprigionamento. Il suo pensiero economico nella tradizione della Scuola di Salamanca presenta sorprendenti somiglianze con la Scuola di economia Austriaca che si sarebbe sviluppata secoli dopo.

Infatti, il primo capitolo de I grandi economisti austriaci è dedicato a lui. Si potrebbe a buon diritto definirlo un “capostipite dell’economia austriaca”. Ha persino vinto il Campionato di Economia Austriaca dell’Austrian Economics Center, battendo persino Friedrich Hayek e Ludwig von Mises. Facendo parte della tradizione Scolastica, Mariana è diverso da molti studiosi contemporanei. Le sue conoscenze non si limitano a un campo ristretto, ma sono profonde in un’ampia varietà di argomenti, tra cui l’economia, la morale, la teologia, il diritto e la storia (Thomas Jefferson inviò una copia della sua Storia della Spagna a James Madison con grandi elogi).

Il suo TRATTATO SULLA MONETA non è solo un’analisi dell’inflazione e del perché sia economicamente inefficiente. È una condanna morale. Per Mariana, lo svilimento del denaro da parte del re è un atto malvagio. Egli definisce la pratica dello svilimento “barbara” e “una piaga nella Repubblica”. È l’equivalente di un furto, perché riconosce che l’inflazione è una tassa occulta sul popolo. Poiché il popolo non ha acconsentito a questa tassa e non è pienamente consapevole di come viene tassato, l’inflazione è una forma di frode, e quindi “contro la retta ragione e la legge naturale”.

Una moneta svilita non è più la stessa che era prima dello svilimento, e quindi non sarebbe nemmeno giusto ripagare un debito senza tener conto dell’inflazione, spiega Mariana. Immaginate se oggi i governi fossero obbligati a tenere conto dell’inflazione quando si impegnano a ripagare il debito. Gli insulti diretti di Mariana contro i leader politici che inflazionano la moneta non gli sono valsi alcun favore. Li ha definiti “questi uomini pestiferi” e ha affermato che “non si preoccupano dell’onestà”.

Coloro che sono al potere “sembrano meno istruiti del popolo, perché non prestano attenzione ai disordini e ai mali spesso causati dalle loro decisioni, sia nella nostra nazione che altrove”. Forse queste parole in particolare hanno avuto a che fare con la sua accusa di tradimento. Per lo meno, non hanno aiutato. Poiché il re non possiede le proprietà di coloro che gli sono sottoposti, Juan de Mariana si propone di determinare in che misura il re possa tassare il proprio popolo. Sebbene non abbia il diritto di tassare per inflazione, il re può imporre un’imposta regolare con il consenso del suo popolo se ciò avviene per adempiere all’obbligo di mantenere una società pacifica e stabile. Oltre questo sarebbe un abuso di potere. Questo distingue i veri re dai tiranni, perché dice “il tiranno è colui che calpesta tutto e crede che tutto gli appartenga; il re limita o circoscrive la sua cupidigia entro i termini della ragione e della giustizia”. Sebbene le argomentazioni morali di Mariana gli conferiscano un fascino unico, egli sottolinea anche molte preoccupazioni pratiche relative all’inflazione, rivelando la sua brillante comprensione del denaro per il suo tempo. Sottolinea la prudenza, che è meglio che chi ha il potere lasci stare le cose che non capisce. Il valore naturale di mercato del denaro è il vero valore, e per un re intervenire e alterare questi valori è una manomissione cieca con conseguenze drastiche. Scrive:

  • “Solo uno sciocco cercherebbe di separare questi valori in modo tale che il prezzo legale differisca da quello naturale. Stolto, anzi, malvagio è il governante che ordina che una cosa che la gente comune valuta, poniamo, a cinque, sia venduta a dieci. Gli uomini sono guidati da una stima comune basata su considerazioni sulla qualità delle cose e sulla loro abbondanza o scarsità. Sarebbe vano per un Principe cercare di minare questi principi del commercio. È meglio lasciarli intatti invece di attaccarli con la forza a danno del pubblico”.

Il valore si basa sulla “comune stima degli uomini” e non può essere facilmente manipolato. Una moneta stabile è necessaria per mantenere l’ordine economico, e l’inflazione destabilizza questo ordine. Mariana avverte il re che “non può trarre profitto senza la sofferenza e il gemito dei suoi sudditi”, perché “il denaro non è quasi mai svilito senza calamità per lo Stato: Il profitto per il momento è intimamente connesso a molteplici rovine e a svantaggi piuttosto grandi”.

Nel capitolo 10 del suo trattato, Mariana afferma i numerosi svantaggi che la manipolazione del denaro comporta per il re e la sua nazione. A ragione afferma che “non c’è mai un’alterazione della moneta senza una successiva inflazione”. Uno dei problemi principali dell’inflazione della moneta è la riduzione del commercio. Poiché l’inflazione danneggia il denaro e il denaro è usato per il commercio, l’inflazione danneggia il commercio. Anche il re ne sarà danneggiato.

Sebbene il re tragga inizialmente profitto rubando al suo popolo attraverso l’inflazione, l’inflazione rovina il suo popolo e ammala il paese. Di conseguenza, le persone più povere avranno maggiori difficoltà a pagare le tasse al re. Egli avverte i re che il problema maggiore dell’inflazione della moneta è l’odio generale del popolo nei suoi confronti. Il re riceve elogi per un Paese felice e biasimo per uno infelice, quindi un leader saggio eviterebbe l’inflazione.

Mariana era un uomo saggio e brillante, che affrontava lo stesso problema che abbiamo oggi. Faremmo bene a ricordarlo e a fargli eco oggi, ricordando ai leader moderni il grave male e le gravi conseguenze dell’inflazione.

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti