KASHMIR, REFERENDUM PER L’INDIPENDENZA PER SCONGIURARE LA GUERRA INDO-PAKISTANA

di MARIETTO CERNEAZ Dopo l’attacco suicida di un paio di settimane fa, nel Kashmir occupato dall’India, che ha portato all’uccisione di 44 soldati da parte di un gruppo accusato di legami con l’intelligence di Islamabad, ha riacceso le polveri tra due Stati confinanti, che dai tempi dalla liberazione dagli inglesi si guardano in cagnesco. “Sarà vendicato con una forte risposta”, annunciò il premier indiano Narendra Modi dopo la strage di Pulwama rivendicata da Jaish-e-Muhammad. Il “sangue del popolo è in ebollizione”, disse Modi . Immediatamente, l’India ha tolto al Pakistan – quantomeno formalmente – lo status di “partner privilegiato”, che è automatico tra ogni Paese membro dell’Organizzazione mondiale del commercio, come lo sono i due vicini che attraversano fasi di guerra e di riconciliazione da ormai 70 anni. Da due settimane, insomma, i due paesi (che hanno la bomba atomica) guerreggiano a bassa intensità. Un aereo indiano ha attraversato il Pakistan e il Pakistan ha reagito, abbattendo un jet da combattimento MiG-21 e dopo aver arrestato il suo pilota,…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche FuoriDalMondo