sabato, Maggio 21, 2022
27.4 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

La democrazia attenta alla sicurezza nazionale: condannato a 5 anni attivista di Hong Kong

Da leggere

di REDAZIONE

Un tribunale di Hong Kong ha aumentato venerdì a cinque anni la pena detentiva, in linea con una legge sulla sicurezza nazionale imposta dalla Cina, per uno studente che ha chiesto l’indipendenza dalla Cina nei post del servizio di messaggistica di Telegram .

Nell’aprile 2021 Lui Sai-yu, 25 anni, uno studente di ingegneria all’Università Politecnica di Hong Kong, è stato accusato di incitamento alla secessione con messaggi che chiedevano “atti da intraprendere per cambiare illegalmente il regime” a Hong Kong.

Lui ha già trascorso circa 19 mesi in detenzione  dal suo arresto nel settembre 2020 , quando la polizia ha sequestrato una pistola a sfera di pepe, un manganello estensibile e altre armi usate dai manifestanti durante le proteste del 2019 per un controverso disegno di legge sull’estradizione.

Il giudice Amanda Woodcock lo aveva originariamente condannato a 3 anni e 8 mesi dopo che la sua dichiarazione di colpevolezza aveva portato a una riduzione di un terzo.

Ma il pubblico ministero Ivan Cheung ha affermato che il crimine commesso da Lui è di natura grave e deve rientrare nelle linee guida di condanna nella legislazione sulla sicurezza. Woodcock lo ha poi aumentato a 5 anni.

L’avvocato di Lui, Edwin Choy, ha detto a Reuters che stavano valutando un appello.

Per attenuare, la difesa ha sostenuto che Lui – uno degli amministratori del gruppo Telegram tradotto dal cinese come “Canale dell’Anti-Comunismo e dell’Indipendenza di Hong Kong” – non fosse una figura molto nota e che i suoi messaggi non fossero ampiamente diffusi.

La difesa ha aggiunto che Lui è stato descritto dai suoi insegnanti come uno studente responsabile della scuola secondaria. In una lettera scritta da Lui e tradotta dalla difesa, ha affermato di aver partecipato a proteste legali durante i disordini del 2019 e di volere solo che il popolo di Hong Kong fosse ascoltato e rispettato.

Altre accuse per possesso di armi da fuoco e armi offensive sono state ritirate, secondo la sentenza.

La corte ha sentito che Lui aveva pubblicato messaggi come “Liberate Hong Kong, Rivoluzione del nostro tempo” e “Indipendenza di Hong Kong. L’unica via d’uscita”, che erano slogan di protesta durante le manifestazioni a favore della democrazia nel 2019.

Ma Choy ha detto che postare su Telegram era diverso dal parlare in pubblico o ai media, e Lui non era una persona ben nota e aveva solo un’influenza limitata.

Lo stesso Lui aveva detto al giudice in una lettera di mitigazione che la sua intenzione originaria era di far sentire la voce delle persone.

“Era difficile per un giovane energico e idealista mantenersi completamente distaccato”, ha scritto Lui, riferendosi alle proteste del 2019, alimentate in parte dai timori di alcune persone che la Cina stesse erodendo le libertà promesse a Hong Kong quando l’ex colonia britannica è stata consegnata nel 1997.

“Il mio amore per Hong Kong non era inferiore a quello di chiunque altro”.

Il governo di Hong Kong e la Cina negano qualsiasi erosione delle libertà nella città.

Lui è diventato la quarta persona incarcerata ai sensi della legge sulla sicurezza del 2020 che punisce sovversione, secessione, collusione con forze straniere e atti terroristici fino all’ergastolo.

Il primo, l’ex cameriere Tong Ying-kit, è stato incarcerato per nove anni.

I critici affermano che la legge erode le libertà promesse dalla Cina con la formula “un paese, due sistemi” quando la città è stata restituita dal dominio britannico alla Cina nel 1997.

Approvata sulla scia delle proteste e dei disordini del 2019, la  legge sulla sicurezza nazionale ha  criminalizzato sovversione, secessione, collusione con forze straniere e atti terroristici, che sono stati ampiamente definiti per includere l’interruzione dei trasporti e di altre infrastrutture.

Il caso di sicurezza nazionale di più alto profilo della città – che ha coinvolto 47 leader democratici che hanno preso parte a primarie non ufficiali che secondo le autorità miravano a paralizzare il governo – ha visto decine di attivisti detenuti per oltre un anno in attesa del processo per sovversione.

Gruppi per i diritti umani e attivisti affermano che la legge radicale è stata utilizzata per mettere a tacere gruppi della società civile e leader pro-democrazia, ma le autorità sostengono che abbia ripristinato stabilità e pace a Hong Kong.

FONTE: AgenPress

- Advertisement -

Correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti