martedì, Aprile 23, 2024
8.1 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

La globalizzazione (economica) è una cosa meravigliosa

Da leggere

di PIETRO AGRIESTI

Viviamo in un mondo dove tutte le risorse sono scarse e scegliere di impiegarle in un certo modo significa rinunciare ad impiegarle in un altro. Per superare almeno in parte questa condizione di scarsità, che non è solo scarsità di risorse naturali, ma anche di tempo, talenti e conoscenze, gli uomini collaborano fra loro attraverso la divisione del lavoro e il libero scambio.

Per vivere e per soddisfare i propri bisogni e desideri, le persone scambiano le une con le altre, beni, servizi, lavoro, informazioni, conoscenze e altro ancora. Una volta questi scambi erano limitati a un territorio relativamente ridotto, ma l’avanzamento tecnologico lo sviluppo dei trasporti e delle comunicazioni ha consentito di superare i vincoli precedenti ed allargare sempre più il raggio degli scambi, fino a renderlo globale.

La globalizzazione ha reso possibile estendere la collaborazione fra le persone a un livello inimmaginabile fino a solo qualche secolo fa. La crescente integrazione economica ha comportato lo sviluppo di una sempre maggiore divisione del lavoro e ha reso possibile per le nostre economie raggiungere un altissimo livello di complessità.

Inoltre, più estesa è la possibilità di scambio, più vi sono attitudini, gusti, preferenze, bisogni e desideri diversi in cerca di soddisfazione. Maggiore è il ventaglio di necessità e desideri da soddisfare, più possibilità abbiamo di poterci guadagnare da vivere con un mestiere che ci piace e ci soddisfa.

Sicuramente, da un altro punto di vista, l’estendersi del libero mercato rende difficile il controllo dell’economia da parte degli Stati nazionali (e non), ma questo è solo un bene. Gli Stati infatti limitando il libero scambio in ogni modo, non fanno altro che ostacolare la collaborazione umana, la creazione di ricchezza, la diffusione del benessere, e la possibilità di soddisfazione e realizzazione degli individui.

Gli alleati sciocchi degli Stati in questo sono tutti coloro (la maggioranza in Italia) che si lasciano intortare dai vari discorsi statalisti di destra e di sinistra: la globalizzazione economica (non politica) lungi dall’essere il mostro che molti politici e intellettuali di ogni colore e tendenza dipingono.. è una cosa meravigliosa!

Correlati

1 COMMENT

  1. Non é vero che tutte le risorse sono scarse, i due principali problemi imposti dalla Globalizzazione speculativa si concentrano (1) nel voler usare le risorse tradizionali e non tener conto dei cambiamenti scientifici e tecnologici migliorativi, mentre l’altro problema (2) é costituito dal sistema speculativo del costo del denaro che impedisce di marciare con l’evoluzione dei tempi. In sostanza il costo del denaro imposto da nulla facenti che campano e si arricchiscono non con il lavoro, ma prestando soldi a strozzo frenando lo sviluppo per una migliore qualità della vita.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli recenti