LA LEGA VENETA SI TIENE DA RE, IL DIFENSORE DELLA COSTITUZIONE ITALIANA

di ARTURO DOILO In tempi di commissariamenti leghisti, nel nome del nuovo partito italianista, Gianantonio Da Re rimane saldo alla guida della segreteria nazionale (ovvero regionale veneta) della Lega italiana salviniana, che ufficialmente verrà battezzata dopo le elezioni europee. Che la truppa italianista e centralista guidata da Matteo Salvini avesse mollato la Padania lo si sapeva da almeno un paio di anni, allorquando a Verona si diede appuntamento in un palazzetto dello sport gremito. Fu tutto un tripudio di italianità mascherata sotto qualche camicia verde impolverata (usata a mo’ di vestito carnevalesco) e dietro le facce di tolla della dirigenza di un partito che da 30 anni vive di bugie, finte promesse, ladrocinio e parassitismo. Tra le tante cazzate profferite sotto il balcone di Giulietta, meritarono una certa attenzione, proprio le parole di Gianantonio Da Re, segretario nazionale della Liga Veneta: “Vorrei far presente all’ANPI che siamo noi i difensori della Costituzione italiana”. Lo disse il 27 aprile del 2017. Carramba, che piacevole sorpresa, no? Infatti, molti furono i cori…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere