mercoledì, Agosto 17, 2022
21.4 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

La revisione dell’auto è una tassa, un servizio non richiesto imposto per legge

Da leggere

di FRANCO CAGLIANI

Vado a fare la revisione obbligatoria all’auto in un’officina autorizzata e spendo una settantina di euro. Una spesa obbligatoria, per legge (!), benché la mia auto sia perfetta (dovendo io pensare alla mia incolumità cerco di tenerla in ordine).

L’officina che se ne occupa ha due impiegate che sembrano due burocrati dell’ufficio del catasto, non mi trattano come fossi un cliente che li ha scelti per un qualche motivo perché sanno che non ho alternative (salvo scegliere un’altra officina con altri burocrati). A quali riflessioni mi ha portato questa vicenda? Queste:

1- L’impresa che mi ha fatto il lavoro non offre alcun prodotto o servizio innovativo, si dedicano ad un controllo che è frutto di una costrizione legislativa, i clienti (assimilabili ai contribuenti in questo caso) sono costretti ad andare da loro;

2- La mia percezione mi porta a pensare a quell’officina come fosse un ufficio delle Entrate qualsiasi, dedito ad uno specifico compito motoristico e nulla più.

3- Loro gongolano, perchè lo Stato li ha convinti di essere utili e permette loro di fatturare;

4- La revisione obbligatoria è una tassa in più sulle automobili;

5- Bastiat ha ragione sempre: lo Stato trova sempre il modo di metterci tutti contro tutti.

C’è chi parla di privatizzazione di servizi pubblici, ma non ha ben chiaro che in Italia siamo arrivati alla statalizzazione di servizi inutili.

- Advertisement -

Correlati

5 COMMENTS

  1. Ho recentemente appreso che in Francia, per i motoveicoli, la revisione periodica obbligatoria non è stata istituita.

  2. Quando ero piccolo la revisione si faceva ogni 10 anni e si campava benissimo. Il problema era che una minima percentuale non curava lo stato dell’autovettura e c’erano dei veicoli in condizioni pericolosissime che viaggiavano. Come per tante altre cose anche in questo c’erano ovviamente fortissime differenze regionali…….

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -

Articoli recenti