martedì, Maggio 28, 2024
21.1 C
Milano

Fondatori: Gilberto Oneto, Leonardo Facco, Gianluca Marchi

Le stupidaggini sesquipedali del capitano leghista

Da leggere

DI MATTEO CORSINI

Riferendosi alla questione della legge di bilancio che porterà con ogni probabilità la Commissione europea ad aprire una procedura di infrazione nei confronti dell’Italia, Matteo Salvini ha dichiarato:

Il trattato Ue dice che dobbiamo garantire benessere economico e piena occupazione ai cittadini. Allora o tu mi dai i soldi per garantire il benessere sociale o se non me li mandi spendo i miei soldi e non  mi rompi le scatole”.

Il copione è ormai collaudato: sparare stupidaggini sesquipedali contando sul fatto che non saranno percepire come tali dai propri tifosi. Nei confronti dei quali può essere perfino inutile puntualizzare che quelle di Salvini sono, appunto, stupidaggini.

Quanto meno per due motivi. In primo luogo, perché se bastasse spendere soldi per garantire il benessere, chi ha fatto tanta spesa corrente come l’Italia nel corso dei decenni adesso dovrebbe primeggiare per benessere in Europa e nel mondo. Pare non sia così.

In secondo luogo, perché “spendo i miei soldi” è tanto lontano dal vero quanto l’Italia dalla Nuova Zelanda. Si tratta, in realtà, di indebitare ulteriormente il Paese, a spese di chi paga le tasse oggi e di chi le pagherà domani e non ha nessuna voce in capitolo.

Tre elettori su dieci tra quelli che vanno a votare scelgono questo signore. Come si fa a essere ottimisti?

Correlati

3 COMMENTS

  1. Il vero problema Italiano non é la UE e neppure l’Euro ma l’impostazione politica del nostro Paese. Non é possibile avere un carro colmo di debiti dove i buoi sono piazzati davanti e altrettanti buoi piazzati dietro che tirano nel senso opposto. Il Paese é tutto da rifare ed occorre piena fiducia nel nuovo Governo della ripresa, iniziando a rivedere tutti i privilegi che hanno distrutto il Paese nel tempo. Si impone una attenta correzione nella suddivisione delle risorse Nazionali che gravano sulle tasse. Quando le Tasse erano al 10% il Paese andava bene, mentre oggi all 80% il Paese va male di cui le ragioni sono: Stipendi immeritati concessi ai Politici, Pensioni d’Oro, Elargizioni all’informazione, Costi e privilegi della Politica, Libero ingresso a persone senza diritto, Limitare il Potere Vaticano, Abbattere l’inquinamenti atmosferico e alimentare che va a pesare sulla Sanità Nazionale, Abbiamo creato il Governo, adesso bisogna creare la Presidenza della Repubblica, I Sindacati, la Scuola, i cani sciolti che organizzano scioperi e rivolte senza senso, ecc, tanto da fare, ma quei buoi dietro al carro sono da fermare e convincerli a trainare il carro nella giusta direzione.

    • “Il Paese è tutto da rifare” . Una domanda: perché una cosa che non funziona dovrebbe funzionare rifacendola? Perché continuare ad accanirsi attorno ad un progetto (massonico) che non dà nessuna garanzia di un eventuale successo? E anzi ne dà molte di sommare insuccessi ad altri insuccessi. Non sarebbe invece più proficuo abbandonarlo e rimettere un po’ indietro le lancette della storia, riportando la situazione a quando tutto funzionava decisamente meglio? Non parlo di ventennii, ovviamente.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Articoli recenti