LEONI, UN CRITICO RIGOROSO DEL POSITIVISMO GIURIDICO

di CARLO LOTTIERI Nel valutare il contributo di Bruno Leoni alla riflessione giuridica non ci si può limitare alle pagine (pure importanti e giustamente note) in cui egli valorizza il carattere evolutivo dei sistemi normativi e propone un diritto che sappia ‘ammodernare’ la lezione dello jus civile e del diritto comune anglosassone. Sebbene sia noto soprattutto per le tesi sul diritto storico esposte in Freedom and the Law, Leoni è ugualmente lo studioso che con più determinazione si è impegnato a portare all’interno della filosofia del diritto quella metodologia individualista che caratterizza il lavoro della maggior parte degli economisti e che egli utilizza quale fondamento della sua teoria della pretesa. Ma al fine di delineare tale prospettiva Leoni è chiamato a rigettare il normativismo e la vocazione statalista che vi è sottesa. In questo senso, un importante merito di tale studioso è aver elaborato una delle riflessioni più acute e spregiudicate sulla teoria di Kelsen, la cui influenza all’interno del pensiero giuridico occidentale (e soprattutto…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere