IL LIBERO COMMERCIO E LA (FU) TRADIZIONE POLITICA AMERICANA

di LEWELLYN H. ROCKWELL JR. La politica, come la guerra, spoglia le parole del loro significato. Questo è specialmente vero per le parole che hanno a che fare con l’economia. Per esempio, gli economisti sanno cosa significa “investimento” e che è una cosa buona per l’economia; ma il governo usa la stessa parola “investimento” per i suoi progetti di spesa dissoluta i quali sono, siatene certi, dannosi per l’economia. Nel diciottesimo secolo l’America, le persone, sapevano cosa si intendeva con la parola diritti. Quando Thomas Jefferson insieme ad altri la usava, significava porre dei limiti al potere dello Stato. Nell’America di oggi, tuttavia, la parola diritti è diventata sinonimo di potere dello Stato, come nel caso del mio “diritto al lavoro” o del vostro “diritto alla salute”. Lo stesso è accaduto all’espressione libero commercio. La politica, e in particolare quella particolare forma concentrata di politica che è la guerra, hanno insozzato il suo significato. Nel diciottesimo e nel diciannovesimo secolo, il termine si riferiva ad…

Contenuto disponibile solo agli utenti registrati
Log In Registrati
CONDIVISIONI
Print Friendly, PDF & Email
Rubriche ControPotere